Zuckerberg ha venduto azioni di Facebook quasi ogni giorno nell'ultimo anno: obiettivo investire nella tecnologia biomedica

Zuckerberg ha venduto azioni di Facebook quasi ogni giorno nell'ultimo anno: obiettivo investire nella tecnologia biomedica
di L.Jatt.
4 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Gennaio 2022, 14:55 - Ultimo aggiornamento: 17:18

La settima persona più ricca del mondo, con un valore di 117 miliardi di dollari, secondo Forbes, ha venduto azioni di Facebook quasi ogni giorno lavorativo dell’anno scorso per un totale di quasi 4,6 miliardi di dollari al lordo delle imposte. La vendita del grosso pacchetto di azioni del social network serve per finanziare le iniziative filantropiche della fondazione che Zuckerberg ha messo in piedi con la sua famiglia. 
L’unico mese in cui non ha venduto azioni è stato dicembre. Circa l’89% dei proventi, quasi 4,1 miliardi di dollari, è andato alla sua organizzazione filantropica, la Chan Zuckerberg Initiative. La somma rimanente, circa 495 milioni di dollari, 312 milioni di dollari al netto delle imposte, secondo le stime di Forbes, erano vendite di azioni di proprietà dei suoi trust. Zuckerberg ha inoltre ridotto la sua partecipazione in Meta dal 28% nel 2012, quando la società è stata quotata in borsa, al 14,6% di oggi.

La frequenza con cui l’anno scorso Zuckerberg ha venduto azioni di Facebook, come era noto fino alla fine di ottobre 2021, non è poi così insolita. Dal 2012, il fondatore del social ha venduto azioni per un valore di 17,4 miliardi di dollari (al lordo delle imposte). La stragrande maggioranza di queste vendite, quasi 13,2 miliardi di dollari, è stata realizzata da CZI, poiché Zuckerberg e sua moglie, Priscilla Chan, vogliono mantenere la loro promessa fatta nel 2015; quella di regalare il 99% delle azioni di Facebook durante tutta la vita. I 4,6 miliardi di dollari nelle vendite del 2021 di Facebook sono la seconda più grande somma annuale da cui si è separato; lui e CZI hanno venduto un totale di 5,3 miliardi di dollari di azioni nel 2018. Nel 2020, Zuckerberg e CZI hanno venduto meno di 600 milioni di dollari di azioni.

Come Zuckerberg, molti altri miliardari hanno approfittato dell’aumento dei prezzi delle azioni per vendere miliardi di dollari di partecipazioni l’anno scorso. Jeff Bezos ad esempio ha venduto più di 8,8 miliardi di dollari di azioni Amazon nel 2021, inclusi 2 miliardi di dollari di azioni a novembre. Il cofondatore Sergey Brin ha venduto decine di milioni di dollari di azioni Alphabet a maggio per la prima volta dal 2017. E, forse il più importante, Elon Musk ha iniziato a esercitare opzioni e vendere miliardi di dollari di Tesla. 

I PROGETTI
Con i miliardi di Zuckerberg, CZI, una società a responsabilità limitata (LLC) con sede a Redwood City, California, finanzia la ricerca scientifica, iniziative educative e sforzi di riforma della giustizia penale. L’organizzazione afferma di aver erogato 2,9 miliardi di dollari in sovvenzioni e investito 150 milioni di dollari in iniziative a scopo di lucro dal 2015. Nel 2016, CZI ha fatto una scommessa coraggiosa: avrebbe speso 3 miliardi di dollari in 10 anni nel tentativo di curare tutte le malattie. Più di recente, gli sforzi scientifici di CZI hanno aiutato la risposta della California alla pandemia; il suo software è stato utilizzato dai funzionari statali per tracciare e sequenziare il virus.

Per ora, come detto, Zuckerberg si è preso una pausa dalle transazioni stabili. Non ha scaricato azioni a dicembre, né ha ricominciato a vendere finora a gennaio. Nella lettera annuale di CZI pubblicata a dicembre, Zuckerberg e Chan hanno affermato che l’organizzazione si concentrerà sullo «sviluppo di tecnologie per far progredire la nostra comprensione biologica del corpo umano» nel prossimo decennio. Ciò include la creazione di un istituto per l’imaging biomedico avanzato e un hub presso l’Università di Harvard che lavora sull’utilizzo dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico in biologia e medicina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA