Maria Andrejczyk mette all'asta la medaglia di Tokyo per finanziare l'intervento al cuore di un bambino di 8 mesi

Maria Andrejczyk mette all'asta la medaglia di Tokyo per finanziare l'intervento chirurgico da 152 mila euro di un bambino
3 Minuti di Lettura
Martedì 17 Agosto 2021, 15:20

Maria Andrejczyk, atleta polacca campionessa nel lancio del giavellotto a Tokyo 2020 ha messo all'asta la sua medaglia d'argento olimpica per raccogliere fondi per l'operazione al cuore di un bambino sconosciuto di 8 mesi. L'azienda di minimarket polacca Zabka ha già comprato la sua medaglia per poi restituirgliela; le donazioni per il bambino hanno superato ora le 293 mila euro.

Medaglia all'asta, una malattia nel passato dell'atleta

La lanciatrice di giavellotto polacca Maria Andrejczyk, 25 anni, è salita commossa sul podio di Tokyo 2020. Ma dopo il trionfo ha deciso di compiere un'impresa ancora più grande e ha messo all'asta la sua medaglia d'argento per finanziare un intervento chirurgico al cuore di un bimbo sconosciuto di 8 mesi. Andrejczyk, che era arrivata quarta a Rio 2016, è guarita da un cancro alle ossa diagnosticatole nel 2018.

Jacobs incontra Totti e Ilary a Sabaudia, i complimenti dell'ex Capitano: «È stato un onore»

La venticinquenne voleva aiutare uno sconosciuto dopo la sua impresa vincitrice e, ha spiegato sulla sua pagina Facebook, quella del piccolo polacco è stata la prima raccolta fondi in cui si è imbattuta. Il bambino ha bisogno di un intervento al cuore all'ospedale di Stanford negli Stati Uniti. «La medaglia che ho messo la scorsa settimana per Miłoszek è stata messa all'asta», ha scritto Andrejczyk in un post instagram.

La pagina delle donazioni di Miloszek sta cercando di raccogliere1,5 milioni di zloty polacchi, poco più di 293 mila euro e Andrejczyk sperava che un'asta avrebbe permesso con la sua medaglia di finanziare almeno la metà di tale importo. Lunedì, Andrejczyk ha confermato che il minimarket polacco Zabka ha vinto l'asta e con la sua donazione e con ulteriori contributi sono state superate le 164 mila euro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA