Giappone, il marito della principessa Mako bocciato all'esame da avvocato

La principessa Mako con il marito Kei Komuro
di Simona antonucci
6 Minuti di Lettura
Martedì 2 Novembre 2021, 08:59 - Ultimo aggiornamento: 19:55

Il nuovo marito della principessa del Giappone Mako non supera il test di ingresso dell’Ordine degli avvocati dello stato di New York (NYSBA), dopo che lei aveva abdicato al suo titolo reale per trasferirsi insieme in un monolocale in città. La pubblicazione dei risultati è avvenuta poco dopo il matrimonio fra i due.

Il principe Fumihito

Mako, trent’anni, figlia maggiore del principe Fumihito e nipote dell’attuale imperatore Naruhito, si è sposata a Tokyo dopo otto anni di fidanzamento con il suo amore, Kei Komuro, cittadino privo di titoli nobiliari. La coppia ha deciso di spostarsi in un’appartamento a Tokyo prima di trasferirsi a New York dove Komuro lavora come avvocato per la società Lowenstein Sandler LLP, con sede nel New Jersey.

La principessa Mako e il marito vivranno in «un monolocale a New York»: la rivelazione dal Giappone

Giappone, la principessa Mako sposa il compagno "borghese": l'addio alla famiglia reale. Lungo abbraccio con la sorella

140 milioni di Yen

Mako ha rinunciato alla somma di 140 milioni di Yen (£890,000) nel lasciare la casa reale e cercherà un lavoro a New York. Komuro aveva fatto l’esame a inizio estate, ma i risultati sono stati  pubblicati sul sito dell’Ordine questo venerdì. Il suo nome non compariva fra i candidati selezionati.

 

Il notiziario NHK ha anche confermato che Komuro intende continuare i suoi studi per riprovare ad entrare con l’esame di febbraio. Nel frattempo Mako ha aggiunto di voler sostenere gli studi del marito. Diversi sondaggi indicano che l’ottanta per cento dei giapponesi, sarebbero contrari al matrimonio dei due, che ha avuto luogo in sede civile, presso un ufficio comunale e senza l’abituale sfarzo che contraddistingue il cerimoniale.

Università Cristiana Internazionale

Cresciuto dalla madre Kayo, il padre è venuto a mancare quando Komuro frequentava le elementari. Durante gli anni in cui viveva in Giappone, ha lavorato per una banca e un ristorante francese. Ha incontrato Mako nel 2013 quando entrambi studiavano presso l’Università Cristiana Internazionale vicino Tokyo. La proposta di matrimonio lo ha portato in prima pagina dei giornali giapponesi, ma in precedenza l’unica circostanza che gli aveva conferito notorietà era stata la nomina a Principe del Mare, iniziativa turistica nella città costiera di Fujisawa.

La coppia di trentenni, ha annunciato il fidanzamento ufficiale nel 2017 e l’intenzione di sposarsi nel novembre del 2018. Inizialmente la notizia venne accolta positivamente, poi quando si scoprì che la mamma di Komuro, Kayo, non aveva ripagato un prestito di 4 milioni di Yen ($35,000) ricevuto dal suo compagno per pagare le tasse scolastiche del figlio, scoppiò uno scandalo.

 

La notizia portò molti a ipotizzare che Komuro volesse sposarsi con la principessa per ottenere maggiore visibilità e ricchezza. Ma Komuro affermò che la somma in questione era stato un dono e non un prestito. Le dichiarazioni lo resero ancora più impopolare.

In seguito aggiunse di voler ripagare la somma. Sta di fatto che solo il 5 per cento dei partecipanti a un sondaggio online, ha approvato l’unione, mentre uno schiacciante novantuno per cento si è detto  contrario. «Non potremmo vivere separati», ha dichiarato Mako durante l’annuncio delle nozze. E martedì, stessa intensità. «Per me, Kei è insostituibile». «Il matrimonio è stata una scelta necessaria». In un discorso preparato in anticipo ha anche aggiunto: «Mi rendo conto che esistano opinioni contrastanti riguardo la nostra unione. Rivolgo le mie scuse a tutti coloro a cui abbiamo creato difficoltà. Voglio esprimere la mia gratitudine a chi ha espresso la propria preoccupazione riguardo la nostra unione in maniera pacata, e a coloro che hanno continuato a supportarci senza lasciarsi confondere da accuse infondate».

La principessa ha rimarcato «stress, paura e tristezza». Ha anche aggiunto che «le continue e arbitrarie critiche verso Kei, le speculazioni infondate sul suo conto, hanno ignorato i suoi sentimenti, fatto passare come vere delle falsità, creando un caso che si è diffuso».

Komuro non vive in Giappone da tre anni. Poco dopo il posticipo del matrimonio, si è trasferito a New York per studiare legge presso la Fordham University nel Bronx, per poi essere assunto alla Lowenstein Sandler in Manhattan, come consulente per compagnie e investitori su capitali di rischio, fusioni e acquisizioni bancarie. La delusione verso il suo paese è stata tale per cui ha scelto di non ritornare a trovare la sua compagna fino alla data del matrimonio.

Il vestito

Il suo arrivo infatti ha peggiorato la sua immagine pubblica. Conservatori hanno assistito scioccati alle immagini presso l’aeroporto di Narita con un codino, tagliato prima della cerimonia nuziale. La sua scelta sul taglio di capelli è stata considerata irrispettosa, reiterando il proprio sdegno quando Komuro si è presentato davanti ai suoceri indossando un gessato, al posto di un tradizionale vestito a monocolore come impone l’etichetta.

Lo stesso vestito è stato indossato durante la cerimonia di nozze. Critiche non sono mancate verso la sua gestualità, rimarcando l’eccessiva frequenza con cui Komuro tiene le mani in tasca. Nonostante i sentimenti diffusi verso Komuro, il Japan Times lo ha definito «un uomo educato e onesto». Il giorno del suo matrimonio, è stata annunciata la notizia che Komuro sarebbe arrivato primo alla competizione annuale di scrittura graie a  un intervento su problemi di conformità riguardo l’accessibilità al sito e implicazioni per gli imprenditori. Il premio ricevuto consiste in un assegno di 2.000 dollari, cifra esigua rispetto ai 1.350.000 dollari che Mako ha rifiutato sotto pressione di un publico giapponese ostile nei loro confronti.

La stessa cifra era stata precedentemente assegnata alle principesse che in passato avevano abdicato alle loro funzioni reali. Soltanto agli uomini della famiglia reale viene concessa la possibilità di sposare cittadini comuni, per cui la decisione di Mako di sposarsi per amore comporterà un bel po' di cambiamenti.

Innanzitutto, il suo titolo di principessa non sarà più riconosciuto - anche se i due dovessero divorziare, non le verrà permesso di ritornare alle funzioni reali. Per la prima volta nella sua vita, avrà un cognome, e sarà registrata all’anagrafe come Mako Komuro. Dovrà inoltre fare richiesta di cittadinanza - i reali non sono tenuti a farlo - per potersi trasferire negli Stati Uniti.

Palazzo Reale

Non potrà più soggiornare presso il Palazzo Reale e i suoi figli non verranno considerati legittimi eredi per la carica di imperatore, riservata esclusivamente agli uomini. Ciò rappresenta un problema per il Giappone, considerando che al momento, secondo quanto stabilito dal diritto sulla casa imperiale, sono solo tre i potenziali eredi per la successione dell’imperatore Naruhito- sessantun’anni- fra cui suo zio Masohito, di ottantacinque anni.

Gli altri due sarebbero il fratello cinquantacinquenne di Naruhito, Akioshino - padre di Mako - e il fratello di Mako Hisahito, di anni quindici. La coppia ritiene l’infamante copertura ricevuta, la causa del deterioramento della salute di Mako. L’Agenzia della Casa Imperiale, ha precedentemente dichiarato che Mako avrebbe sofferto di disturbi da stress post-traumatico, causato dall’eccessiva pressione pubblica. Condizione aggravata dalle proteste avvenute in un parco di Tokyo, in cui venivano esibiti striscioni di protesta contro il matrimonio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA