Live non è la D'Urso, Selvaggia Roma incontra il padre: «Sono stata abbandonata da lui»

Live non è la D'Urso, Selvaggia Roma incontra il padre: «Sono stata abbandonata da lui»
di Eva Carducci
4 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Dicembre 2020, 07:34 - Ultimo aggiornamento: 08:06

Dopo l'uscita dalla casa del GF VIP Selvaggia Roma, durante la puntata di Live non è la D'Urso, ha incontrato il padre, da cui era stata abbandonata anni fa, quando aveva quindici anni, e per cui la Roma ha dichiarato, durante il GF VIP, di aver anche tentato il suicidio a seguito dell'accaduto. 

Lo scherzo a Selvaggia Roma finisce tra le lacrime: cosa è successo nella notte al GF Vip

L'uomo è arrivato dalla Tunisia per incontrarla, e prima di parlare con la figlia ha visto il video delle dichiarazioni rilasciate da Selvaggia Roma all'interno della Casa del GF, continuando però a scuotere la testa: «Non è così. Assolutamente la verità non è questa. Non si rende conto che soffro più di lei». 

Prima di affrontare il padre Selvaggia ha dovuto rispondere alle critiche dell'ex, che l'ha accusata di strumentalizzare una situazione costruendo una menzogna solo per impietosire il pubblico: «Quel tizio che ha appena parlato deve dire e strafare qualisasi cosa. Francesco Chiofalo non alberga nei miei pensieri da tanti anni. Mio padre l'ho vissuto poco e niente fino ai quindici anni, l'abbandono è non avere un punto fisso, una persona su cui contare, e lui non c'è stato. Questo è un abbandono per me. Non voleva invitarlo a cena, non è vero. Francesco l'ha chiamato mia madre».

Francesco non è presente in studio e risponde alle critiche con un video messaggio: «Aggressivo di cosa? Me lo devi spiegare. Perché non ti sottoponi alla macchina della verità se è vero che ti ha abbandonato a quindici anni?»

La risposta basita della Roma: «Io non ho detto niente di grave, ho detto che ho avuto delle mancanze. L'ho visto poco dopo quindici anni mio padre, e ci sono stata molto male. Mi stupisce come quest'uomo, che ho lasciato sei anni fa, senta il diritto di intromettersi nella mia vita». 

Arriva poi il confronto con il padre in ascensore: «Papà dopo i quindici anni non ti ho più visto come la presenza di un padre. Quante volte abbiamo discusso al telefono? Non c'eri mai quando mi serviva qualcosa, tralasciando le cose materiali, è mancato l'affetto. Adesso è quasi un anno che non ci vediamo almeno. Sto male, non serve risponderti al telefono. Controllavi sempre il tempo quando uscivamo, delle volte ti davo buca volutamente, per questi motivi. Non è sempre stato così, ho vissuto più le tue assenze però, e questo lo devi ammettere. Sai che vuol dire quando ti sbagli anche l'età del compleanno di tua figlia? Ci rimani male, e non era solo questo. Devi capire che non ce la facevo, anche a vederci. Mi strillavi quando piangevo, e i miei discorsi non li hai mai voluti sentire».

La risposta del padre: «Mi ha dato fastidio, nonna, mia madre, è rimasta male per quello che hai detto. Il cuore di un papà non cambia mai. Chiariamo questa cosa. Io ti chiamo sempre, tu delle volte neanche mi rispondi. Non c'è una via di mezzo, un modo per parlarne. Quella che mi ha dato buca spesso eri tu, i tuoi fratelli c'erano. Nessuno è perfetto e sbagliamo tutti. Il problema fra me e te è che siamo così, questo è il mio carattere e tu sei peggio di me. Però dire che ti ho abbandonato, è eccessivo».

Barbara D'Urso chiede chiarimenti a Selvaggia Roma: «Non me la sono sentita perché ci stavo male quando mi chiamava. Mamma faceva da intermediario tra me e lui», arriva anche quella del padre: «Ho delle mancanze nei suoi confronti è vero, ma proverò a recuperare il nostro rapporto» e arriva anche la promessa di Selvaggia: «Si, ci voglio provare». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA