Greenwood, arrestato il giocatore del Manchester United. La fidanzata: «Ho subito violenze»

Harriet Robson ha mostrato le proprie ferite e i lividi in un video sui social

Greenwood, arrestato il giocatore del Manchester United. La fidanzata: «Ho subito violenze»
4 Minuti di Lettura
Domenica 30 Gennaio 2022, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 22:08

La fidanzata dell’attaccante del Manchester United Mason Greenwood, Harriet Robson, ha postato su Instagram dei video in cui mostra il viso insanguinato e il corpo ricoperto di lividi, con la scritta  «A tutti quelli che vogliono sapere cosa mi fa davvero Mason Greenwood». In seguito al post, la polizia si è recata nella casa della modella per verificare quanto accaduto e, poche ore dopo, ha tratto in arresto il calciatore. Ufficialmente in stato di fermo a scopo di interrogatorio, in attesa che vengano formulate le accuse di stupro e molestie nei suoi confronti.

 

La fidanzata di Greenwood mostra il volto insanguinato

Il Manchester United  ha sospeso il suo campione: Mason Greenwood non giocherà e non si allenerà con il Manchester United «fino a ulteriori aggiornamenti della situazione». Il caso potrebbe avere serie ripercussioni anche sullo sponsor. L’azienda «è molto preoccupata da queste accuse». 

Robson ha caricato questa mattina i video su Instagram, per condividere video e immagini delle violenze subite. Il primo video mostrava un labbro lacerato, il petto e il volto insanguinato. In altre si vedono alcuni ematomi. Anche su Snapchat, la ragazza ha condiviso immagini dalla sua casa di Stockport, nella regione metropolitana di Manchester, in cui si vedono ferite sul braccio sinistro e sulla spalla. 

Greenwood, a destra, in azione

Robson ha anche condiviso un audio datato 22 ottobre in cui si sente la voce di un uomo che cerca di forzarla ad avere un rapporto sessuale, e si sente lei che rifiuta, e lui che le intima di “stare zitta”. 

La coppia si era separata quando era emerso che lui aveva avuto un flirt con una modella islandese, nel 2020. Ma poi, nel novembre dello stesso anno, Robson e greenwood si erano rimessi insieme, e avevano celebrato l’avvenimento postando dei selfie che mostravano grande intimità. 

Greenwood, che ha vent'anni, non è nuovo a problemi disciplinari con la sua squadra. Nel settembre 2020, per l’appunto, era stato rimandato a casa durante una trasferta della nazionale,  dopo che lui e un altro calciatore, Phil Foden, avevano violato le norme covid, invitando due donne nel loro hotel in Islanda. I due calciatori  fecero pubblica ammenda di quanto accaduto, e promisere di avere imparato dal loro “grosso errore”. Foden fu reintegrato nella squadra dell’Inghilterra, mentre Greenwood dovette aspettare. Il MailOnline rivelò anche di party furtivi che si erano svolti, con la partecipazione di Greenwood, sempre in barba alle norme vigenti a quel tempo.  

Greenwood e Harriet vengono dalla stessa regione inglese - Wisbey, vicino a Bradford - e si conoscono dai tempi della scuola.  L’attaccante era ancora diciassettenne quando fu chiamato dal Manchester United per giocare contro il PSG, diventando il più giovane calciatore ad avere giocato nella Champions League.


Venuto a conoscenza dell'accaduto, lo United aveva inizialmente fatto sapere di non voler fare commenti «fino
all'accertamento dei fatti» condanndo comunque «ogni forma di violenza», in seguito è arrivata la decisione di sospendere il calciatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA