Amber Heard contro Johnny Depp, il processo continua. Ora tocca a lei: «Le prime botte quando ho riso per un suo tatuaggio»

«Mi aveva preso a schiaffi senza una ragione mentre eravamo sul divano» e «c'era un barattolo di cocaina». Amber rivive i momenti delle prime botte dopo che l'attore l'ha portata in tribunale per diffamazione

Amber Heard contro Johnny Depp, il processo continua. Ora tocca a lei: «Le prime botte quando ho riso per un suo tatuaggio»
6 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 10:56

«Mi ha schiaffeggiato in faccia. Non sapevo cosa stesse succedendo. L'ho solo fissato». Continua il processo tra Amber Heard e Johnny Depp di fronte alla giuria del Fairfax County Circuit Court in Virginia. L'attrice di Acquaman ha testimoniato oggi per la prima volta contro il suo ex marito raccontando quello che sarebbe, a suo dire, il primo episodio di violenza subito. Amber chiamata in causa da Depp per diffamazione riesce a stento a trattenere le lacrime. Il primo sfogo fisico dell'attore, racconta Amber, ci sarebbe stato dopo che lei gli avrebbe chiesto cosa ci fosse scritto su uno dei suoi tatuaggi sbiaditi. Lui aveva risposto "wino" e lei si mise a ridere pensando fosse uno scherzo. Ma così non è stato, secondo la ricostruzione della Heard, Johnny Depp l'avrebbe a quel punto schiaffeggiata. E lei rispose di getto: «Pensi che sia divertenze caxxo». ha dovuto rivevere quei momenti Amber

Johnny Depp e Amber Heard, in aula anche la scena del dito mozzato all'attore: cosa è successo

Amber Heard, la prima testimonianza contro Johnny Depp

«Mi aveva preso a schiaffi senza una ragione mentre avevamo una conversazione normale, seduti sul divano» e «c'era un barattolo di cocaina vicino». Mortificato e singhiozzando Johnny poi si sarebbe scusato: «Non lo farò più», diceva: 'Pensavo di aver messo a bada questo mostro'», ha continuato a dichiarare l'attrice, la cui deposizione dovrebbe durare parecchi giorni.

 «Sono qui perché il mio ex marito mi ha fatto causa. Non ho parole per descrivere quanto è orribile. Faccio fatica a trovare le parole per descrivere quanto questo sia doloroso. È orribile per me stare qui per settimane e rivivere tutto». 

Johnny Depp in tribunale contro l'ex moglie Amber Heard: «Mai fatto violenza a nessuno»

Depp porta in tribunale la ex moglie

La deposizione di Amber arriva dopo quella del 58enne che in precedenza nel processo di non aver mai picchiato Heard e che era lei l'abusante nella loro relazione. La star dei film Pirati dei Caraibi e altri ha citato in giudizio Heard, 36 anni, per 50 milioni di dollari dicendo di averlo diffamato quando ha affermato di essere stata vittima di abusi domestici. Heard ha contro-citato in giudizio per 100 milioni di dollari, dicendo che Depp l'ha diffamata definendola bugiarda.

 

Una storia che sembrava perfetta

«Eravamo innamorati»: risponde così alle domande dei suoi legali, Amber che ha descritto, trattenendo le lacrime, come stare assieme a Depp «era una assoluta magia».

Johnny Depp, oggi il processo (in tv) contro l'ex Amber Heard. L'attrice ai fan: «Ho sempre provato amore per lui»

«Sentivo che quell'uomo mi conosceva, mi vedeva, come nessuno prima di lui», prosegue così Amber. «Quando ero con Johnny mi sentivo la persona più meravigliosa del mondo. Mi faceva sentire come se fossi unica. Mi faceva sentire come se valessi un milione di dollari», Heard continua precisando d'altra parte che la relazione era in quella fase ancora segreta perché Johnny non aveva ancora ufficialmente rotto con Vanessa Paradis, la madre dei suoi due figli.

Johnny Depp e le accuse di violenza, l'ex moglie avrebbe «falsificato le foto dei lividi»

Il viaggio con i figli

La testimonianza si è chiusa con il racconto dell'attrice che ha ricordato di un "movimentato" viaggio in barca alle Bahamas con i due figli di Johnny Depp. L'attore era nervoso e di frequente ubriaco anche perché era sul punto di vendere il suo yacht alla scrittrice J. K. Rowling. La figlia Lily-Rose era a sua volta provata per le intemperanze paterne e Depp aveva dato la colpa ad Amber, racconta lei di fronte la giuria, che a suo dire avrebbe fatto la spia con i due ragazzi. La Heard ha aggiunto che in quell'occasione Depp minacciò di ucciderla: «Mi prese per il collo e restò così per un minuto dicendo che avrebbe potuto ammazzarmi e che ero una vergogna per lui». Amber fu costretta quella volta a lasciare l'imbarcazione con un elicottero assieme alla figlia di depp in lacrime. Un racconto che ha scosso molto l'ex pirata dei caraibi tant'è che quando l'avvocato di Amber ha mostrato alla corte sms che lui aveva mandato a lei dopo la partenza, l'attore ha scosso la testa e detto «wow».

Johnny Depp bloccato in hotel dai fan, sul red carpet: «Grazie, sono loro i miei datori di lavoro»

Perché Amber e Johnny sono finiti in tribunale

Il caso si basa su un articolo di opinione del dicembre 2018 che ha scritto sul Washington Post. L'articolo non menzionava mai Depp per nome, ma il suo avvocato ha detto ai giurati che era chiaro che Heard si riferiva a lui. Il divorzio della coppia è stato finalizzato nel 2017 dopo meno di due anni di matrimonio. Depp, una volta tra le più grandi star di Hollywood, ha detto di non aver mai colpito Heard o nessuna donna e che le accuse di Heard gli sono costate «tutto». Un nuovo film sui Pirati è stato sospeso e Depp è stato sostituito nel franchise di Animali fantastici, uno spin -off di Harry Potter. Gli avvocati di Heard hanno affermato che ha detto la verità e che la sua opinione era protetta dalla libertà di parola dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Un giudice del tribunale statale della contea di Fairfax, in Virginia, fuori dalla capitale della nazione, sta supervisionando il processo, che dovrebbe durare fino alla fine di maggio. Meno di due anni fa, Depp ha perso una causa per diffamazione contro The Sun, un tabloid britannico che lo ha etichettato come un «picchiatore di moglie». Un giudice dell'Alta Corte di Londra ha stabilito che aveva ripetutamente aggredito Heard. Gli avvocati di Depp hanno affermato di aver archiviato il caso negli Stati Uniti nella contea di Fairfax perché il Washington Post è stampato lì. Il giornale non è imputato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA