Italia-Inghilterra, baby George non doveva vestirsi così alla finale degli Europei: è intervenuto William

Italia-Inghilterra, baby George non doveva vestirsi così alla finale degli Europei: è intervenuto William
di Emiliana Costa
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Luglio 2021, 07:31

A due giorni, dalla vittoria dell'Italia alla finale di Euro 2020, continuano a uscire notizie e indiscrezioni sui campioni in campo e sugli ospiti vip in tribuna. Quella sera, a rapire l'attenzione dei sudditi e non solo, il piccolo George di Cambridge presente per la seconda volta a Wembley - aveva già assistito a Inghilterra-Germania - con mamma Kate Middleton e papà William.

Italia-Inghilterra, il gesto di William prima della premiazione: non ha salutato Mattarella?

William, Kate Middleton e baby George a Wembley, dalle risate alla tristezza finale: «Cuore a pezzi»

Le tenere smorfie di George, prima di felicità per il gol inglese al secondo minuto e poi di delusione dopo i rigori, hanno fatto il giro del mondo. Ma solo adesso emerge un diktat imposto da mamma Kate al piccolo erede al trono. Anche domenica 11 luglio, il primogenito dei duchi di Cambridge si è presentato a Wembley vestito come il papà: vestito elegante e cravatta a righe. Quello che finora non era emerso è chi ha deciso l'outfit di baby George.

La maglietta dell'Inghilterra

Commentando la finale di Wimbledon tra Novak Djokovic e Matteo Berrettini per la Bbc, l’ex campionessa di tennis Marion Bartoli ha rivelato: «Ieri pomeriggio ho preso un tè con la duchessa e mi ha detto che George stasera a Wembley vuole indossare la maglietta della nazionale. In famiglia c’è stata molta discussione, William è d’accordo, Kate non è così entusiasta, quindi vedremo». Ma alla fine, ha vinto il diktat di mamma Kate e il bimbo ha esultato e poi ha incassato la delusione in giacca e cravatta. Ma tanti fan dei Cambridge non hanno condiviso la scelta della duchessa: «È un bambino di sette anni, avrebbe dovuto tifare con la maglia della sua squadra». E ancora: «Era dolcissimo con l'outfit mini me, ma è sempre un bambino». In ogni caso, baby George vince la partita della tenerezza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA