G20, Jill Biden e la fuga a Roma dopo la morte del figlio Beau

G20, Jill Biden e la fuga a Roma dopo la morte del figlio Beau
3 Minuti di Lettura
Sabato 30 Ottobre 2021, 14:38 - Ultimo aggiornamento: 16:36

Jill Biden e l'amore per Roma: la first lady e il presidente ricordano di essere «Venuti così tante volte, amo l'Italia, chi non potrebbe amarla?». La terra dei suoi antenati è stato sempre «un rifugio» per Jill e la sua famiglia. E lo è stato, ricorda oggi la Cnn, dopo la tragica morte del figlio Beau, stroncato nel 2015 da un tumore al cervello, quando i Biden invece di trascorrere, come tradizione, la festa del Ringraziamento nella loro casa a Nantucket, in Massachussetts, sono venuti a Roma. E la famiglia dell'allora vice presidente degli Stati Uniti fu ospite a Villa Taverna, la residenza dell'ambasciatore americano a Roma dove sono ospitati anche in questa occasione Biden e la first lady.

G20 a Roma, Johnson in ritardo per la foto. Draghi: «Ma dove sta? Boris, Boris!». E i leader scoppiano a ridere

Dopo le 'giornate romanè, il viaggio in Italia di Jill Biden proseguirà lunedì a Napoli, dove si recherà per visitare la scuola all'interno della base militare Usa, mentre il marito volerà a Glasgow per la Cop26. Il viaggio verso il Sud è un pò un viaggio verso le radici della sua famiglia, che sono a Gesso, piccolo paese vicino a Messina, in Sicilia da dove è partito il bisnonno Giacoppa, che poi, dopo l'arrivo ad Ellis Island, ha anglicizzato il cognome in Jacobs come facevano migliaia di immigrati italiani per poter integrare meglio. 

Video

I ricordi italiani della First lady

La first lady si è sempre mostrata orgogliosa e legate alle sue origini italiane. «Anche se Concetta e Gaetano hanno cambiato i loro nomi hanno sempre portato un pezzo di Italia» ha raccontato durante la campagna elettorale Jill che, nata in New e trasferitasi da bambina in Pennsylvania, ricorda che ogni domenica si tornava dai nonni «per il pranzo tradizionale italiano». «Spaghetti, polpette, braciole, la casa profumava di origano, basilico, pomodori freschi e aglio, mi ricordo mio nonno che ci dava a tutti il pane italiano tostato e diceva 'finire a tarallucci e vinò, che significa che non importano le differenze, finiamo sempre la cena come una famiglia». «Ho dei ricordi bellissimi dei giorni passati in cucina con mia nonna, mia madre e quattro sorelle, è stato in quella casa che ho cucinato la mia prima salsa di pomodori», ha raccontato ancora la first lady il cui piatto più riuscito è, a detta del marito, i capellini d'angelo in salsa di pomodoro, mentre i figli preferiscono il pollo alla parmigiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA