Franco Terlizzi, l'ex pugile e naufrago dell'Isola dei famosi chiede patteggiamento a 3 anni e mezzo. «Fu prestanome per un boss»

Per lui le accuse sono associazione per delinquere finalizzata a frodi assicurative e di intestazione fittizia di beni

Franco Terlizzi, l'ex pugile e naufrago dell'Isola dei famosi chiede patteggiamento a 3 anni e mezzo. «Fu prestanome di un boss»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 20:04 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 09:50

Un passato sull'Isola dei Famosi e nei salotti della televisione e un presente tra carcere e aule di tribunale. Franco Terlizzi, ex pugile e naufrago del reality di Canale 5, ha chiesto di patteggiare a tre anni e mezzo nell'ambito dell'indagine della Dda di Milano che circa tre mesi fa, con una raffica di arresti, aveva azzerato una associazione per delinquere dedita al traffico di droga e all'intestazione fittizia di beni. Al vertice Davide Flachi, il figlio di Pepè, il boss della Comasina morto lo scorso gennaio, e che si era avvalsa di Franco Terlizzi per mettere a segno - è l'ipotesi - una serie di truffe assicurative.

Franco Terlizzi, chi è l'ex pugile e concorrente dell'Isola dei Famosi arrestato per 'Ndrangheta: era il prestanome del figlio di un boss

Franco Terlizzi, prestanome per conto di Flachi

Da quanto è stato riferito, Terlizzi, fermato con altri 12, tra cui Flachi, posto ai domiciliari e infine ritornato in cella per aver violato la misura cautelare, ha concordato con i pm Gianluca Prisco e Francesco De Tommasi, titolari dell'inchiesta, una pena di 3 anni e mezzo di reclusione in vista del patteggiamento. Per lui le accuse sono associazione per delinquere finalizzata a frodi assicurative e di intestazione fittizia di beni. Secondo le indagini dei Nuclei di polizia economico-finanziaria della Gdf di Milano e Pavia, l'ex pugile avrebbe gestito come presunto prestanome una carrozzeria nel Milanese per conto di Flachi ma non avrebbe partecipato ad alcun traffico di stupefacenti. Per questo risponde di reati meno gravi rispetto agli altri per cui è stato già disposto, come avevano chiesto i pubblici ministeri, il giudizio in immediato (il processo è stato fissato a primavera) e che ora stanno scegliendo i riti alternativi. Tra questi lo stesso Flachi e il cugino Santo Crea.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA