Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fedez malato, parlò di demielinizzazione e sclerosi tre anni fa: ecco quali furono le sue parole

Il rapper aveva choccato i fan: «Si può perdere l'uso della parola o di una gamba»

Fedez malato, tre anni fa l'annuncio della demielinizzazione e la sclerosi: ecco cosa aveva detto
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Marzo 2022, 13:11 - Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 14:48

Fedez è malato, ma non ha ancora svelato qual è il problema annunciato ieri su Instagram e che richiederà «un percorso lungo». Il rapper, per la seconda volta in tre anni, ha choccato i fan (e non) annunciando una malattia. E lo ha fatto in lacrime, dando la sensazione di un problema importante. La prima volta era successo nel 2019, quando intervistato su La Nove aveva raccontato della demielinizzazione

«È successo un evento importante, difficile, che mi ha fatto capire delle priorità. Durante una risonanza magnetica mi è stata trovata una cosa chiamata demielinizzazione nella testa», aveva detto. «Devo stare sotto controllo perché è una sindrome radiologicamente verificata. La demielinizzazione è quella che avviene quando hai la sclerosi multipla. Questa cosa può essere, come no, che si tramuti in sclerosi».

Fedez malato, arrivano gli auguri di Salvini ma i fan insorgono: «Messaggio fuori luogo e inqualificabile»

 

L'annuncio del 2019 e la sclerosi

«Se dovesse accadermi questa cosa - aveva spiegato - e in base a dove ti si accendono queste cicatrici, puoi perdere il dono della parola o l'uso della gamba, per dire, insomma, se dovesse succedermi una cosa del genere io ad oggi per cosa ho combattuto». Poi la riflessione sulla famiglia: «Mi sono reso conto che sono stato dietro a un sacco di cazzate, a un sacco di persone che probabilmente non se lo meritavano. E, dall'altro lato, avevo trascurato la mia famiglia. Da lì ho preso una decisione piuttosto estrema, cioè di non lavorare più al disco che avevo in uscita, di portare a casa il tour senza aggiungere date e dedicarmi alla mia famiglia».

Sui social, dopo quell'intervista, la spiegazione a chi lo accusava di voler spettacolarizzare la malattia: «Sentivo il bisogno di tirare fuori un po' di cose accadute nell'ultimo anno per chiudere un cerchio e guardare avanti. Ho visto che sono già usciti tanti titoli molto allarmanti». E ha la forza anche di scherzare: «Purtroppo o per fortuna (dipende dai punti di vista) sto bene».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA