Fedez, ecco il video del pestaggio contro Iovino. I testimoni: «Il rapper sferra un pugno (che va a vuoto). Poi in 6 aggrediscono il personal trainer»

Il programma Zona Bianca nella puntata di domenica 26 maggio ha mandato in onda su Rete 4 le immagini

Fedez, ecco il video del pestaggio contro Iovino. I testimoni: «Il rapper sferra un pugno (che va a vuoto). Poi in 6 aggrediscono il personal trainer»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Maggio 2024, 14:42 - Ultimo aggiornamento: 28 Maggio, 11:00

Le immagini sono sgranate. Ma a dare un volto alle sagome che si vedono nel video la sera del pestaggio di Cristiano Iovino sotto casa sua a Milano sono state le due guardie private del complesso residenziale di CityLife. Il programma Zona Bianca nella puntata di domenica 26 maggio ha mandato in onda su Rete 4 le immagini della rissa avvenuta nella notte tra il 21 e il 22 aprile che avrebbe coinvolto il rapper Fedez e il personal trainer.

Fedez con la modella Garance Authiè a Montecarlo, Chiara Ferragni risponde così al gossip. E gli amici confessano: «Si sente liberata»

Cosa si vede

Il primo a scendere dal van sarebbe proprio Fedez che prova a sferrare due colpi nei confronti di Iovino, ma non riesce a colpirlo.

Il rapper, secondo la ricostruzione, avrebbe provato a sferrare altri due colpi. Subito dopo dal van si vedono scendere altre cinque persone, tra queste Cristiano Rosiello, l'inseparabile guardia del corpo del cantante. Iovino avrebbe provato a scappare ma in sei lo aggrediscono spingendolo oltre l'inquadratura della telecamera.

La replica di Fedez

Qualche settimana fa il cantante, proprio alle telecamere di "Zona Bianca", aveva smentito di essere coinvolto nel pestaggio. «Nella telecamere non si vede chi c'è - diceva Fedez -, perché sarebbe sporcata dalla pioggia». La telecamera ha ripreso, invece, tutta la scena. E secondo il programma di Rete 4 confermerebbe la versione dei due testimoni: da un van si vedono scendere delle persone dirette verso un ragazzo con le scarpe bianche che sarebbe Cristiano Iovino. «Provo un secondo a fare io il giornalista - diceva Fedez a "Zona Bianca" qualche settimana fa - Ricostruiamo i fatti: si parla di nove persone appartenenti alla curva del Milan che avrebbero massacrato una persona. Arrivata un ambulanza sul posto questa persona non viene portata in ospedale perché non ha bisogno di cure e non c'è quindi alcun referto medico. In più mi dicono che non solo non ha denunciato ma anche che dopo tre giorni, perché io mi informo, era a Ibiza a ballare.»

L'accordo tra Iovino e Fedez 

Ma se Fedez non c'era, come diceva lui stesso, perché si è arrivati a un accordo con Iovino? L'ex di Chiara Ferragni e il personal trainer dei vip, insieme ai rispettivi avvocati, hanno infatti deciso di trovare una soluzione cosiddetta "transattiva", che solitamente consiste nel versamento di una somma di denaro da parte di uno a favore dell'altro. Sulla base dell'accordo raggiunto, che sarebbe quindi di tipo economico, Iovino non querelerà il rapper. Per le accuse di lesioni e percosse in concorso, che vengono contestate a Fedez insieme a quella di rissa, la Procura di Milano può infatti procedere soltanto se la presunta vittima presenta una denuncia accompagnata da referto medico.
Iovino, che già quella notte aveva rifiutato il trasporto in ospedale da parte degli operatori del 118 intervenuti sul posto i quali avevano quindi redatto un referto ma con prognosi zero giorni non sarebbe mai stato intenzionato a querelare i suoi aggressori. Adesso, dopo la firma dell'accordo, rinuncerà a qualsiasi azione penale. L'unico reato procedibile d'ufficio tra quelli che ipotizza il pubblico ministero Michela Bordieri, titolare del fascicolo, è quindi quello di rissa, ancora tutto da valutare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA