Fabrizio Corona assolto dall'accusa di evasione fiscale per i 2,6 milioni nascosti nel controsoffitto: «Il fatto non sussiste»

I giudici hanno dato ragione all'ex paparazzo dei vip

Fabrizio Corona assolto (dall'accusa di evasione fiscale) per i 2,6 milioni nascosti nel controsoffitto: «Il fatto non sussiste»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Settembre 2022, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre, 12:23

«Il fatto non sussiste», e per Fabrizio Corona, che era imputato in un nuovo processo a Milano per l'ormai famosa vicenda dei 2,6 milioni di euro in contanti trovati nel 2016 in parte in un controsoffitto dell'amica e collaboratrice Francesca Persi e in parte in cassette di sicurezza in Austria, arriva l'assoluzione.

Corona, nuova tegola. Maximulta dal Fisco per evasione delle imposte dirette

Fabrizio Corona assolto, cade l'accusa di evasione fiscale

All'ex agente fotografico veniva contestata una «omessa dichiarazione dei redditi», ossia di non aver pagato le tasse su quelle somme. Lo stesso pm Maurizio Ascione aveva chiesto l'assoluzione per l'ex agente fotografico. Il suo legale, l'avvocato Ivano Chiesa, aveva depositato al giudice della prima penale Andrea Ghinetti una serie di documenti per dimostrare che su quei soldi, sia quelli del controsoffitto che quelli trovati in Austria, c'era già stato all'epoca «l'adempimento del debito tributario da parte di Atena», società e agenzia pubblicitaria dello stesso ex 're dei paparazzì. Soldi che, tra l'altro, dopo un sequestro vennero restituiti proprio ad Atena.

Corona resta in carcere, il gip: «Impossibile che tutti quei soldi siano stati racimolati in un anno»

Le accuse

Nel procedimento si contestava, tuttavia, che quella società fosse «mero schermo» dell'attività imprenditoriale di Corona e a lui come persona fisica veniva imputato di non aver versato le imposte e di aver evaso il Fisco. Le sentenze definitive, ha fatto notare sempre il legale, hanno assolto l'ex 'fotografo dei vip' dalle accuse principali, tra cui l'intestazione fittizia di beni, su quei 2,6 milioni di euro, stabilendo anche che «non esisteva alcuna schermatura societaria». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA