Evan Rachel Wood choc: «Marilyn Manson mi drogava e violentava per i suoi video»

Evan Rachel Wood choc: «Marilyn Manson mi drogava e violentava per i suoi video»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Gennaio 2022, 07:33 - Ultimo aggiornamento: 08:49

Quando l'attrice Evan Rachel Wood (Thirteen, Mildred Pierce, Westworld) ha testimoniato al Congresso nel 2018 sulla propria esperienza traumatica come parte del suo sostegno a un disegno di legge a favore delle vittime di aggressioni sessuali, è stata attenta a non menzionare il nome del suo presunto abusatore. Tuttavia, Internet e, per estensione, il mondo hanno rapidamente capito che si trattava della rockstar Marilyn Manson. I due hanno avuto una relazione pubblicamente tempestosa, per diversi anni, a partire da quando Wood aveva 18 anni e Manson, il vero nome Brian Warner, ne aveva 37. Wood, come spiega in "Phoenix Rising - Parte prima: Don't Fall", temeva che la Warner o uno dei suoi fan potessero danneggiare suo figlio, la sua famiglia o se stessa se lo avesse nominato direttamente.

Marilyn Manson, nella sua casa una collezione di oggetti «inquietanti»: dal cranio di una capra alla protesi di un bimbo

In effetti, come ci ricorda il documentario della regista Amy Berg, i suoi fan non sono esattamente noti per essere rilassati e ottimisti di fronte alle critiche al loro idolo. Basta sottolineare, per quanto ingiusto possa essere, che Manson/Warner era uno dei preferiti degli adolescenti che hanno commesso il massacro alla Columbine High School e questo è sufficiente per mandarli su tutte le furie. Wood critica la Warner direttamente qui, raccontando quanto fosse stato violento fisicamente, sessualmente e psicologicamente, la crudeltà che includeva drogarla e poi violentarla mentre giravano il video musicale della sua canzone "Heart-Shaped Glasses". Solo la prima parte di questa serie HBO in due parti è stata resa disponibile e mostrata tramite il Sundance Film Festival quando questa recensione è andata in stampa, ma è piuttosto difficile vedere come la reputazione già distrutta di Manson si riprenderà, non importa quanto neghi , come riportato qui, che una qualsiasi delle accuse sia vera. Woods allude al fatto che molte altre donne, come l'attore Esme Bianco, hanno affermato di aver subito abusi simili da parte sua e forse alcune di loro ne parleranno davanti alla telecamera nella seconda parte di Rising Phoenix.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA