Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elisa Esposito, la prof di "corsivo" ospite di una serata in discoteca: biglietti fino a 30€. È polemica social

La tiktoker è stata al centro delle polemiche social solo qualche giorno fa quando, nel corso di un'intervista, non ha riconosciuto i primi versi della Divina Commedia

Elisa Esposito, la prof di "corsivo" ospite di una serata in discoteca: biglietti fino a 30€
2 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 14:47 - Ultimo aggiornamento: 14:51

Sui social non si parla d'altro. Anzi, non si parla in altro modo. Per la generazione TikTok il "corsivo" è una seconda lingua, un modo di pronunciare le parole in maniera allungata (canzonando un po' l'accento milanese) che ormai non conosce confini. Tanto da uscire dai social e approdare nella vita reale. Elisa Esposito, tikotoker da oltre 827mila follower, conosciuta come la "prof di corsivo", sarà ospite del "Banana", un locale di Salice Terme. Una vera e propria serata, annunciata sui social in pompa magna dagli organizzatori, con tanto di locandina. Il costo? 15€ il biglietto base, tavolo 25€ e privé 30€. La bufera social non ha tardato a farsi sentire.

 

Chi è Elisa Esposito, la prof di "corsivo"

Elisa Esposito è già stata al centro delle polemiche social solo qualche giorno fa quando, nel corso di un'intervista con Rds, non ha riconosciuto i primi versi della Divina Commedia. Leggendo «nel mezzo del cammin di nostra vita», la tiktoker non sapeva che si trattasse dell'incipit della più importante opera di Dante Alighieri.

La 19enne, classe 2003, si è diplomata quest'anno e ha raccontato che questo enorme boom di popolarità le ha causato già diversi problemi: alcuni utenti della rete si sono spinti fino alle minacce di morte. A prescindere da come la si pensi su certe mode social, certe forme di odio (soprattutto se indirizzate a una ragazza così giovane) sono assolutamente da condannare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA