De Donno, in centinaia ai funerali a Mantova: allontanato un uomo con il cartello «Ucciso dallo Stato»

De Donno, i funerali a Mantova: allontanato un uomo con il cartello «Ucciso dallo Stato»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Agosto 2021, 12:36 - Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 10:09

Centinaia di persone stanno dando in questo momento l'ultimo saluto all'ex primario di pneumologia dell'ospedale Carlo Poma di Mantova, Giuseppe De Donno, i cui funerali sono in corso nella basilica di Sant'Andrea di Mantova. La chiesa è gremita di gente tanto che è stato consentito di tenere aperti i ponti che danno su piazza Mantegna, dove altre centinaia di persone, anche provenienti da fuori provincia, si sono radunate per rendere l'ultimo saluto alla contestata terapia del plasma iperimmune per la cura del Covid.

De Donno morto, procura Mantova apre inchiesta: sequestrati pc e telefoni

De Donno morto suicida, l'accusa di Red Ronnie: «Lo hanno lasciato solo»

Morto suicida De Donno: avviò cura plasma iperimmune, aveva 54 anni. Si era dimesso dall'ospedale di Mantova

Molta compostezza e commozione tra i presenti: secondo alcuni siti locali, la Digos ha chiesto a un uomo di non esporre il cartello "Ucciso dallo Stato" sul sagrato della Chiesa dove sono in corso i funerali, ed è stato allontanato.

 

L'omaggio - Molte persone il giorno prima avevano reso omaggio all'ex pneumologo alla camera ardente allestita nella sala consiliare del municipio di Curtatone a Montanara. Per tutto il giorno è stato un via vai ininterrotto di gente commossa che ha voluto salutare il «padre» della terapia anti-Covid del plasma iperimmune, suicidatosi martedì scorso nella sua abitazione. Composto e silenzioso il dolore di tanti che hanno sfilato davanti alla bara accanto alla quale, per tutto il giorno sono rimasti i familiari, in particolare la moglie Laura e la figlia Martina. Nessuna manifestazione, all'esterno, da parte dei no vax che hanno preso l'ex pneumologo, medico di base per poche settimane dopo essersi dimesso dall'ospedale Carlo Poma di Mantova, come simbolo della loro protesta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA