David e Victoria Beckham hanno avuto il covid: contagiato anche lo staff

Martedì 8 Settembre 2020

«David e Victoria Beckham hanno avuto il coronavirus a inzio marzo». A rivelarlo è il Sun. I due avrebbero contratto la malattia mentre viaggiavano tra Londra e gli Stati Uniti. A risultare positivi anche «diversi parenti, amici e dipendenti della coppia». Stando alle rivelazioni del tabloid, i Beckham si sarebbero ammalati a inizio marzo.

David Beckham e Victoria in Puglia: villa da 3500 euro al giorno, ma i figli non conoscono il galateo

Il primo marzo, ricostruisce il giornale britannico, erano volati a Los Angeles per assistere a una partita della nuova squadra di calcio di David, Inter Milan FC, e partecipare ad alcuni eventi. La famiglia è poi tornata a Londra il 5 per spostarsi nella loro seconda casa, nel Cotswolds, per il 21esimo compleanno di Brooklyn. Il 7 marzo la famiglia ha organizzato lì per il primogenito una stravagante festa di compleanno da 100 mila sterline con una sfilza di star. Da Emma Bunton a Elton John. Poi sono ripartiti per gli States per trascorrere una settimana di vacanza a Miami. Entro il 19 poi la famiglia è tornata sulle colline del Cotswolds e lì è iniziata la loro quarantena. David e Victoria avrebbero manifestato allora i primi sintomi. «David ha iniziato a sentirsi male e poi Victoria ha avuto un fortissimo mal di gola. Allo stesso tempo, molti membri della loro team, inclusi guardie del corpo e assistenti, si sono ammalati, un paio di loro gravemente», ha continuato la fonte al Sun, «Victoria è stata presa dal panico e ha messo in quarantena l’intera famiglia per più di due settimane». All’epoca il governo inglese stava ancora temporeggiando sulle restrizioni e Boris Johnson parlava di «immunità di gregge». Secondo la fonte l’ex Spice Girl era, invece, terrorizzata che la sua famiglia potesse diventare un «super diffusore del virus e ha fatto tutto il possibile per ridurre al minimo il rischio. Sono state settimane difficili».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche