Beckham 12 ore in fila per l'ultimo saluto a Elisabetta: «Arrivato alle 2 di notte, pensavo di trovare meno persone»

A 47 anni l'ex calciatore del Manchester è ancora una leggenda sportiva ma si è messo in coda come tutti gli altri e non ha chiesto sconti né favori

Beckham 12 ore in fila per l'ultimo saluto a Elisabetta: «Arrivato alle 2 di notte, pensavo di trovare meno persone»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 16 Settembre 2022, 18:38 - Ultimo aggiornamento: 18 Settembre, 15:37

Cappello, ombrello e cravatta nera e abito scuro elegante. Così David Beckham, ex calciatore e leggenda della nazionale inglese si è messo in fila alle 2 di notte nella nebbia di Londra con migliaia di altri inglesi per l'ultimo saluto alla regina Elisabetta, morta lo scorso 8 settembre e il cui feretro è stsato esposto al pubblico per 4 giorni presso Westminster Hall. 

 

Beckham, 12 ore di fila per salutare Sua Maestà 

«Pensavo che arrivando a quell'ora – ha ammesso nell'intervista a ITV – avrei trovato un po' meno folla… Invece mi sbagliavo. Evidentemente, hanno pensato tutti la stessa cosa» ha detto il campione. Beckham ha affrontato 12 ore di fila, senza chiedere sconti né favori particolari e seminando sorpresa tra i passanti: «Oh my God» ha detto una ragazza che se lo è trovato improvvisamente accanto nella fila. 

La coda è stata temporaneamente bloccata a nuovi accessi la mattina del 16 settembre, bloccata per diverse ore, dopo che gli spazi predisposti per accogliere la marea umana in attesa si erano riempiti completamente all'inverosimile. Ma Beckham intanto ce l'aveva già fatta, come ha raccontato: «Ne è valsa la pena la vita formidabile della nostra Regina merita di essere celebrata».  

Regina Elisabetta, il caso della "Stella d'Africa": il Sudafrica reclama il «suo» diamante da record

In fila come "un suddito qualunque"

A 47 anni David Beckham resta una delle star più amate dello sport internazionale e una vera leggenda nazionale. Nel 2003 la Regina in persona lo nominò "Ufficiale dell'Ordine dell'Impero britannico" (OBE) per i suoi meriti sportivi. Oggi è stato lui a rendere omaggio alla sovrana, decidendo di essere, per un giorno, un suddito come tutti gli altri, fra la gente comune. «Qui ci sono persone di tutte le età. Ho visto una signora di 84 anni in piedi per ore e così anche un signore di 90 anni. Tutti vogliono essere qui per essere parte di questa esperienza e celebrare ciò che Sua Maestà ha fatto per noi» ha spiegato ai giornalisti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA