Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ayman al-Zawahiri, chi era il leader di Al Qaeda ucciso dagli Stati Uniti a Kabul

Oltre agli attacchi dell'11 settembre, Zawahiri si è attribuito la «paternità» dell'attacco a Charlie Hebdo del 2015 a Parigi, che avrebbe ordinato personalmente

Ayman al-Zawahiri, chi è il leader di Al Qaeda ucciso dagli Stati Uniti a Kabul
2 Minuti di Lettura
Martedì 2 Agosto 2022, 01:00 - Ultimo aggiornamento: 02:18

A un anno di distanza dall'addio all'Afghanistan, gli Stati Uniti infliggono un duro colpo ad Al Qaida. In un raid condotto con un drone è stato ucciso il leader dell'organizzazione terroristica, Ayman al-Zawahiri. Braccio destro di Osama bin Laden e poi suo successore, al-Zawahri è stato uno degli uomini chiave negli attacchi dell'11 settembre. 

Ayman al-Zawahiri, Stati Uniti uccidono con un drone capo di Al Qaeda. «L'operazione in Afghanistan è stata un successo»

Ayman al-Zawahiri, il medico profeta del terrore

Nato in Egitto nel giugno del 1951 in una famiglia agiata a borghese, Al-Zawahiri - medico e chirurgo - si è avvicinato ai movimenti jihadisti da giovanissimo, a soli 17 anni, prima di laurearsi. Entrò nella Jihad islamica egiziana nel 1979, diventando 'emirò (comandante) responsabile per il reclutamento. Nel 1981 finì in carcere durante una ondata di arresti di integralisti islamici in seguito all'assassinio dell'allora presidente Anwar Sadat. Rimase in prigione quattro anni per porto abusivo di armi, perché gli inquirenti non riuscirono a trovare elementi contro di lui su un coinvolgimento dell'omicidio di Sadat.

 

Uscito di prigione nel 1985, Zawahiri andò in Arabia Saudita, e poco dopo si spostò in Pakistan, dove conobbe Bin Laden. Ultima tappa l'Afghanistan, all'inizio degli anni Novanta. Oltre agli attacchi dell'11 settembre, Zawahiri si è attribuito la «paternità» dell'attacco a Charlie Hebdo del 2015 a Parigi, che avrebbe ordinato personalmente. Sulla sua testa gli Stati Uniti avevano messo una taglia da 25 milioni di dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA