Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Antonio Pennacchi, l'ultimo saluto di Latina: il funerale dello scrittore con le pagine di “Canale Mussolini”“

Antonio Pennacchi, l'ultimo saluto di Latina: il funerale dello scrittore con le pagine di “Canale Mussolini”“
di Elena Ganelli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Agosto 2021, 14:05 - Ultimo aggiornamento: 18:58

Latina ha salutato questa mattina nella cattedrale di San Marco Antonio Pennacchi, il ‘suo’ scrittore scomparso martedì a 71 anni. Alla messa, celebrata dall’ex parroco di Borgo Podgora don Enrico Scaccia che lo ha ricordato come un seminatore che ha vissuto e amato la sua terra, hanno partecipato in tanti ed è stato necessario sistemare decine di sedie nel piazzale antistante la chiesa una volta esaurito i posti consentiti all’interno dalle norme anti Covid.

Latina, tutti in fila per l'ultimo saluto ad Antonio Pennacchi: alle 10,30 i funerali

A conclusione della cerimonia hanno preso la parola il sindaco di Latina Damiano Coletta. "Latina ha perso un padre, un fratello, un figlio di questo territorio - ha detto il primo cittadino - ma ci ha lasciato le sue opere". Poi è stata la volta dell’editor della Mondadori Giovanni Francesio, del direttore di Limes Lucio Caracciolo, della figlia Marta che ha ringraziato tutti per l’affetto mentre l’attore Clemente Pernarella ha letto alcune pagine di “Canale Mussolini”, il romanzo che ha regalato allo scrittore il Premio Strega. Poi l’uscita del feretro dalla cattedrale tra gli applausi. Le spoglie di Pennacchi saranno cremate.

Pennacchi, quel giorno in redazione: «Sono il cane matto il vero autore è mia moglie»

© RIPRODUZIONE RISERVATA