Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anne Hathaway e quel marito uguale a Shakespeare (che aveva la moglie con lo stesso nome)

Anne Hathaway e quel marito uguale a Shakespeare (che aveva la moglie con lo stesso nome)
di Riccardo De Palo
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Marzo 2020, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 5 Marzo, 10:19

La coincidenza è di quelle che fanno sognare. Il marito dell'attrice americana  Anne Hathaway, il collega Adam Shulman (37 anni lei e 38 lui) può vantare una somiglianza prodigiosa con William Shakespeare - almeno, stando ai ritratti che ci sono stati tramandati, tutti dipinti alla morte dell'autore. E fin qui tutto bene, se non fosse che anche lo stesso Bardo aveva una moglie di nome Anne Hathaway. «Fa’, per amor mio, che un altro te abbia vita affinché la tua bellezza continui a rifiorire», scrisse il divino autore in un suo celebre sonetto.

Tutti al cinema anche nel 2020: i film che riempiranno le sale

Le differenze sono, in realtà, molteplici. Shakespeare sposò Anne nella sua Stratford-upon-Avon, quando aveva 18 anni; lei aveva otto anni in più (a differenza delle due star di Hollywood) ed era incinta del primo dei loro tre figli. Furono sposati tutta la vita, anche se lui era molto spesso a Londra per mettere in scena i suoi drammi; ma ogni tanto tornava in paese, per rivedere la sua famiglia.

 


Qualcuno ha scritto che vi fosse antipatia tra i due, ipotesi rafforzata da un altro sonetto, in cui il cognome, con la parola "hate", odio, viene utilizzato in maniera simbolica - «Quelle labbra che Amor creò con le sue mani/ bisbigliarono un suono che diceva "Io odio"/ a me, che per amor suo languivo» - ma non c'è nulla di certo, come in ogni cosa che riguardi la vita del Bardo. Quindi, in qualche modo, siamo anche legittimati a credere nei viaggi nel tempo, o nella reincarnazione. In fondo, scrive Shakespeare nella "Tempesta" - a dispetto delle tante frasi che gli vengono attribuite a sproposito, «siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni; e nello spazio e nel tempo d’un sogno è racchiusa la nostra breve vita».
 
 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA