Alessio Madeddu, chi è lo chef ucciso in Sardegna: da “4 Ristoranti” alla ruspa contro i carabinieri

“Sabor’e Mari” era il suo locale, molto noto in zona

Alessio Madeddu, chi è lo chef ucciso in Sardegna: da 4 Ristoranti alla ruspa contro i carabinieri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Ottobre 2021, 12:44

Alessio Madeddu, ucciso a Teulada, era un chef noto nella sua zona. In tanti lo conoscevano non solo per il suo locale, “Sabor’e Mari”, ma anche per alcune recenti vicissitudini giudiziarie. A marzo il 51enne è stato infatti condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione per tentato omicidio per aver aggredito, nel novembre 2020, una pattuglia di carabinieri utilizzando una ruspa. Uscito di strada col suo furgone, erano intervenuti i militari che gli avevano chiesto di sottoporsi all’alcol test.

Alessio Madeddu, lo chef ucciso (a colpi di accetta) in Sardegna: partecipò a “4 Ristoranti"

Carabinieri gli ritirano la patente, torna con ruspa e ribalta auto dell'arma. Arrestato ristoratore di Teulada

Poi la patente gli era stata ritirata e Madeddu aveva reagito con estrema violenza, andando a recuperare la ruspa e tornando sul posto ribaltando infine la macchina dei carabinieri. Nel 2018 aveva preso parte alla trasmissione su Sky 4 Ristoranti con il suo ittiturismo con le sue specialità a base di pesce fresco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA