Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alessia Pifferi, chi è la mamma che ha lasciato a casa la figlioletta per 6 giorni lasciandola morire

«Non era una mamma buona, non giocava mai con lei, non la portava a passeggio. La teneva sempre nel passeggino»: commenta una vicina di casa

Alessia Pifferi, chi è la mamma che ha lasciato a casa la figlioletta per 6 giorni lasciandola morire
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 20:06 - Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 15:45

Alessia Pifferi, gli ultimi aggiornamenti sul Messaggero. Era una persona schiva e non dava confidenza. Così i vicini di Alessia Pifferi descrivono la trentasettenne ora in carcere con l'accusa di omicidio per la morte della figlia di 16 mesi lasciata in casa da sola per sei giorni. Al cancello verde della palazzina dove la piccola è deceduta ieri una vicina ha legato con dei nastri bianchi palloncini dello stesso colore con su scritti alcuni messaggi d'addio Ciao Diana, Piccolo angelo. In via Parea, strada del quartiere popolare di Ponte Lambro, alla periferia est di Milano, pochi hanno voglia di parlare.

Alessia Pifferi era pericolosa. Il pm: «Nessuno scrupolo, per divertirsi ha abbandonato la figlia in casa»

Alessia Pifferi «non giocava mai con la figlia»

Di certo non la madre di Alessia tornata a Milano dalla Calabria. Capelli raccolti, abbigliamento sportivo è arrivata in via Parea con due borse della spesa e ai giornalisti ha gridato «Allontanatevi o vi denuncio» prima di rincasare nell'appartamento al primo piano dove sul filo da stendere ad asciugare, sotto le finestre dell'appartamento si vedono ancora i vestitini rosa, qualche asciugamano e un bavaglino. Nella stessa palazzina, spiegano i vicini, abita l'ex marito di Alessia, da cui era separata da tre anni, che si adopera con qualche 'lavorettò nel vicinato. «Non era una mamma buona, non giocava mai con lei, non la portava a passeggio. La teneva sempre nel passeggino»: commenta una vicina di casa. «Era una persona un pò schiva non dava molta confidenza» racconta un uomo che abita a poca distanza nella stessa via. Anche i social raccontano poco di Alessia. Nessun post su Instagram, aggiornamento delle immagini su Facebook al 2019 con qualche commento sulle relazioni difficili e sul bisogno di amore.

 

Chi è Alessia Pifferi

La Pifferi, 37 anni, vive a Milano in zona Ponte Lambro, periferia sud-est della città. Fino a qualche anno fa divideva il tetto con la madre, che adesso si è trasferita a Crotone. La sorella, invece, vive ancora a Milano. Nell’appartamento accanto, sempre al primo piano, abita l’ex marito, dal quale Alessia si era separata tre anni fa. La donna ha raccontato agli inquirenti di non sapere chi fosse il padre della piccola, e di avere scoperto la gravidanza solo al settimo mese: la bambina, Diana, è poi nata il 29 gennaio dello scorso anno. Al momento non risulta che la donna avesse problemi di droga. Sono invece in corso verifiche su eventuali problematiche psichiche. Sul suo profilo Facebook personale, tante frasi motivazionali e dediche nei confronti delle persone care. Parole d'amore e di affetto, sull'importanza di prendersi cura degli amici, degli amati e dei familiari. Parole oscure, lette alla luce di ciò che è successo oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA