Alberto Genovese arrestato per violenza sessuale. Il fondatore di Facile.it al Gip: «Colpa della cocaina, voglio disintossicarmi»

Alberto Genovese arrestato per violenza sessuale. Il fondatore di facile.it al Gip: «Colpa della cocaina, voglio disintossicarmi»
4 Minuti di Lettura
Domenica 8 Novembre 2020, 08:38 - Ultimo aggiornamento: 9 Novembre, 06:35

Il fondatore di Facile.it, Alberto Genovese, 43 anni, è stato fermato a Milano con le accuse di violenza sessuale, spaccio di droga e sequestro di persona. Lo rende noto l'Agi riportando fonti qualificate. L'arresto è scattato ieri notte alle 23.30 circa, quando l'imprenditore è stato bloccato, dopo la denuncia della vittima, una ragazza di 18 anni. Secondo quanto ricostruito, i fatti si sarebbero verificati il 10 ottobre, quando la giovane donna si trovava in casa dell'imprenditore per una festa a base di alcol e droga.

Paolo Massari patteggia 2 anni per lo stupro dell'amica: niente carcere, l'ex assessore di Milano va in terapia

Violentata a 16 anni dal “caro amico” di famiglia: l'uomo in carcere

Roma, il tassista stupratore libero dopo 7 giorni: revocati gli arresti domiciliari

Santa Severa, molestie ad una bimba di 9 anni: arrestato giardiniere 48enne


Chiusa in camera


Nella notte la ragazza sarebbe stata drogata, costretta in camera da letto, mentre un bodyguard sorvegliava la porta, e seviziata in stato di incoscienza. Le violenze sarebbero andate avanti a lungo: la giovane donna sarebbe stata anche ammanettata, legata, e violentata, mentre gridava aiuto.


Solo un giorno dopo, quando ha ripreso coscienza, è stata trasportata dal 118 alla clinica Mangiagalli, che ha accertato lo stupro: a soccorrerla anche la polizia. Le indagini hanno appurato che in casa dell'uomo c'erano diverse dosi di Mdma, chetamine e altre droghe, come la potente 2CB, o cocaina rosa. A corroborare le ipotesi investigative le tracce trovate nella stanza.

E la 18enne non sarebbe la sola vittima. Secondo le indagini della Procura di Milano e in base a quanto riporta il provvedimento di fermo che ha fatto finire in carcere l'uomo, un'altra ragazza ha raccontato al procuratore aggiunto Letizia Mannella e al pm Rosaria Stagnaro di essere stata violentata pure lei con modalità simili. La giovane, la scorsa estate, mentre si trovava in vacanza in un'isola spagnola, ha spiegato di essere stata invitata dall'imprenditore a una serata, di essere stata convinta ad assumere droga e di essersi risvegliata la mattina dopo dolorante e con segni di violenze. Su questo presunto secondo episodio sono in corso accertamenti così come sulle dichiarazioni messe a verbale da alcuni testimoni. Infatti a inquirenti e investigatori è stato riferito che a casa di Genovese quello del 10 ottobre scorso non sarebbe stato l'unico festino a base di droga e alcool al quale venivano invitate giovani donne molto belle.

Genovese: «Voglio disintossicarmi»

«Chiedo di disintossicarmi perché da quattro anni sono dipendente dalla cocaina. Quando sono sotto gli effetti della droga non riesco a controllarmi e non capisco più quale sia il confine tra ciò che è legale e ciò che è illegale. Ho bisogno di curarmi», ha detto al gip Tommaso Perna, Alberto Genovese. Il fondatore di Facile.it non ha risposto alle domande ma ha reso dichiarazioni spontanee, ha chiesto gli arresti domiciliari o a casa della madre o a casa della compagna.

La precisazione

«Alberto genovese ha lasciato Facile.it nel 2014 e non ha oggi alcun ruolo operativo nella nostra azienda - sottolineano dal portale - per rispetto di tutte le persone coinvolte nella vicenda, riteniamo che al momento sia corretto non commentare oltre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA