Adidas contro Kanye West, chiusa la collaborazione per le posizioni antisemite del rapper americano

Il rapper aveva una linea di abbigliamento propria di nome Yeezy prodotta dal marchio

Adidas contro Kanye West, chiusa la collaborazione per le posizioni antisemite del rapper americano
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Ottobre 2022, 15:18

Adidas ha chiuso la collaborazione con il rapper americano Kanye West, a causa di alcune sue frasi antisemite da lui pronunciate. Prima del noto marchio, pochi giorni fa (21 ottobre) anche Balenciaga ha abbandonato il rapper ed ex marito di Kim Kardashian per lo stesso motivo. 

adidas taglia outlook 2022 su calo domanda in Cina e Occidente

L'addio di Adidas: «Frasi inaccettabili»

Una decisione che arriva dopo mesi di provocazioni che avevano portato il rapporto tra la multinazionale e il cantante ai minimi storici dopo anni di collaborazione (iniziata nel 2013). All'ultima sfilata di Yeezy, la sua linea di abbigliamento per Adidas, il cantante si era presentato indossando una maglia con la scritta «WHITE LIVES MATTER», uno slogan utilizzato dalla destra americana contro le proteste di Black Lives Matter. 

«I commenti e le azioni compiute da Ye di recente sono inaccettabili, odiose e pericolose e violano i valori della diversità e inclusione, rispetto reciproco ed equità della nostra azienda», ha spiegato Adidas, specificando che la produzione dei prodotti a marchio Yeezy è stata interrotta con effetto immediato.   

 

L'acquisto di Parler, il social degli Ultrà 

Per alcune frasi antisemite poi Kanye West era stato bannato anche da Twitter e Instagram e i suoi profili chiusi. Per tutta risposta lui ha acquistato Parler, il social degli "ultrà", piattaforma alternativa a Twitter (senza censura) che alla vigilia delle elezioni
presidenziali del 2020, era diventata un foro frequentato da esponenti di estrema destra tra cui neonazisti e suprematisti bianchi.  

Kim Kardashian e il giallo dei suoi nuovi stivali oltre il ginocchio.

Fermata la produzione della linea Yeezy 

La produzione della linea Yeezy viene immediatamente archiviata e questo costerà nel quarto trimestre fino a 250 milioni di euro di profitti al gruppo. Anche il consiglio centrale degli ebrei tedeschi aveva preso posizione sul rapper criticando Adidas: «Le quotidiane nuove esternazioni del rapper sono insopportabili per le ebree e gli ebrei di tutto il mondo» aveva affermato Josef Schuster a Redaktionsnertzwerk Deutschland, affermando di aspettarsi una chiara presa di posizione dal management di Adidas.

Rihanna e Beyoncè regine degli Mtv Awards. Il ritorno di Britney Spears

© RIPRODUZIONE RISERVATA