Verso il voto, Nicoletta Zuliani lancia la sfida: «A Latina tutto da rifare, sul serio»

Verso il voto, Nicoletta Zuliani lancia la sfida: «A Latina tutto da rifare, sul serio»
di Rita Cammarone
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Settembre 2021, 05:01 - Ultimo aggiornamento: 10:50

«Lista coraggiosa per un riformismo pragmatico, scevra dall'ideologia». Così ieri sera Carlo Calenda si è complimentato per la squadra di Nicoletta Zuliani, ex capogruppo Pd, in corsa per la carica di sindaco di Latina da civica indipendente scesa in campo con Azione. Il candidato sindaco di Roma si è video-collegato con la sala del Circolo cittadino in cui era in corso la presentazione della lista Zuliani sindaco. Un progetto condiviso per cambiare Latina, sul serio. Al fianco dell'aspirante sindaca, il consigliere comunale Olivier Tassi, ex Lbc, referente pontino di Azione, esperto di tecnologie informatiche e consulenza aziendale. Anche lui nella lista coraggiosa, così come Eugenio Lendaro, professore universitario associato di biochimica, altro ex Lbc, eletto consigliere comunale nel 2016 e poi dimessosi.


«Sei mesi per una carta di identità ha esordito Zuliani - due anni per l'assegnazione di un numero civico, finanziamenti persi, due funzionari all'Antiabusivismo». Per la candidata sindaco e i componenti della sua lista ce n'è abbastanza in città per promuovere un progetto alternativo che si muova su macro-aree: Urbanistica e territorio, economia e lavoro, ambiente, cultura, scuola, formazione, giovani, sport, sanità, welfare e inclusione. Tutto da rifare, a partire dal governo del territorio con strumenti urbanistici innovativi, guardando alle opportunità finanziare del post Covid, sull'economia, ma anche e soprattutto sulla transazione ecologica. Zuliani ieri ha presentato singolarmente la quasi totalità della lista, composta da giovanissimi e anche professionisti affermati, due medici, due docenti universitari e il dottor Antonio Sorabella, anche lui ex Lbc, funzionario amministrativo contabile della Ragioneria Generale dello Stato e tra i vari incarichi quello di presidente del collegio dei revisori dei conti dell'Ente Parco nazionale del Circeo. Nella squadra anche il fratello di Nicoletta Zuliani, Leonardo, con esperienza ventennale nel settore contabile amministrativo, appassionato di sport e il figlio Giacomo Camilletti, attualmente iscritto al secondo anno di specializzazione di batteria jazz al Conservatorio di Amsterdam. Fare di Latina una città europea, l'obiettivo di tutti.


MOVIMENTO 5 STELLE
Intanto ai Cinquestelle di Latina è arrivato il via libera di Giuseppe Conte alla presentazione della lista composta da 11 donne e 22 uomini (aspirante sindaco compreso) per l'elezione di Gianluca Bono alla carica di primo cittadino. Donne e uomini pentastellati dichiarati presentabili e candidabili dalla Commissione parlamentare Antimafia. «Questo riconoscimento, ad oggi, non ci risulta ha affermato Bono - essere pervenuto ad altre liste elettorali di Latina alle quali, tuttavia, auguriamo di ottenerlo quanto prima. Le parole legalità e trasparenza sono linee guida valoriali da perseguire anche attraverso azioni fattive come quella della verifica delle proprie liste da parte dalla Direzione Nazionale Antimafia. In questi anni, anche se non presenti in consiglio comunale (nel 2016 la lista non era stata certificata da Grillo, ndr), abbiamo combattuto ha aggiunto - contro qualsiasi forma d'illegalità, denunciando con esposti divenuti interrogazioni parlamentari e dunque importanti inchieste, qualsivoglia condotta politico-amministrativa ritenuta contraria agli interessi della cittadinanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA