Sezze ha voglia di cambiamento: stravince Lidano Lucidi. Di Raimo: «Farò un'opposizione collaborativa»

Sezze ha voglia di cambiamento: stravince Lidano Lucidi. Di Raimo: «Farò un'opposizione collaborativa»
di Rita Cammarone
5 Minuti di Lettura
Martedì 19 Ottobre 2021, 05:01 - Ultimo aggiornamento: 11:50

E' Lidano Lucidi il nuovo sindaco di Sezze: ha stravinto ieri al ballottaggio con il 69,79% (6.655 voti). Il suo avversario Sergio Di Raimo, già primo cittadino eletto al primo turno alle amministrative del 2017, si è fermato al 30,21% (2.881 voti). La proposta innovativa di Lucidi, sostenuta da una coalizione civica e trasversale, ha convinto l'elettorato di Sezze che gli ha dato piena fiducia per l'uscita dal commissariamento dell'ente municipale, iniziato a marzo di quest'anno, all'indomani dell'operazione di polizia giudiziaria Omnia 2 sullo scandalo del cimitero. Commercialista, 48enne di Sezze, Lucidi ha ottenuto il miglior risultato già al primo turno con il 39,43%, mettendo fuori gioco il centrodestra rimasto al 20,35% e soprattutto sconvolgendo il dato storico setino di supremazia del centrosinistra. Con il suo 39,43% ha infatti lanciato la sfida al dem Di Raimo giunto al 32,27%. Uno tsunami.
Da quando è stata introdotta la normativa sulla elezione diretta del primo cittadino in poi, il comune setino è sempre stato governato dal centrosinistra, ad eccezione di tre anni tra il 2003 al 2006 con la sindacatura di Lidano Zarra eletto con liste civiche. La presenza di Lucidi a queste amministrative, dopo due tentativi andati a vuoto, nel 2017 come candidato consigliere con la lista Bianco Leone e nel 2007 come candidato sindaco di Identità setina, ha azzerato anche l'alternativa progressista nata nel 2017 con Sezze Bene Comune, movimento politico capeggiato da Rita Palombi, questa volta rimasto fuori dal Consiglio comunale.


LE REAZIONI
«Sono felicissimo, è stato un successo di squadra e di una proposta politica valida e unica alternativa», ha dichiarato ieri pomeriggio a caldo il neo sindaco di Sezze Lucidi. «Sono in parte sorpreso da questo risultato così imponente. I cittadini di Sezze hanno risposto al mio appello adesso o mai più e il loro affetto è testimoniato dai festeggiamenti in corso, prima nel centro storico e poi a Sezze Scalo. E' bellissimo e ringrazio di cuore tutti», ha detto accerchiato da una folla esultante. Tra le tante telefonate ricevute quella dello sconfitto Di Raimo: «Mi ha fatto i complimenti ha raccontato Lucidi e mi ha anticipato che farà un'opposizione costruttiva. Mi ha fatto molto piacere, devo dire». Sindaco Lucidi, ma qual è la cosa che le hanno detto che più l'ha commossa? Gli abbiamo chiesto. «Grazie. E' questa la parola che mi ha più commosso ha risposto Lucidi - Perché dire grazie, quando dovrei essere io a dover ringraziare i miei concittadini, significa dire molto altro». Ha già pensato alla formazione della giunta? «Ancora no, ma ci metteremo subito al lavoro», ha concluso Lucidi.
«Questo risultato me lo aspettavo. Sono contento che siamo arrivati al ballottaggio dopo le tante defezioni di persone che potevano contribuire a ricostituire una maggioranza stabile. Ho avuto il coraggio di ricandidarmi, e non era per nulla scontato arrivare al ballottaggio», questo invece il commento Di Raimo. L'ex sindaco ha attribuito la sconfitta a una serie di ragioni, affermando di volerle esaminare quanto prima. La sua coalizione che doveva essere sorretta dal Partito democratico, in realtà, è apparsa sfiancata proprio da questa componente politica che rispetto al 2017, e al suo storico bacino di voti, ha dimezzato il suo consenso. «Mi sono battuto con dignità ha proseguito Di Raimo e in Consiglio comunale farò un'opposizione collaborativa. Non starò lì a vedere come mettere lo sgambetto per mandare a casa chi ha vinto le elezioni. Sezze ha bisogno di un governo e mi auguro che questa amministrazione sia all'altezza. La nuova amministrazione inizierà un percorso in una condizione migliore di quella da me trovata nel 2017. Allora c'erano circa tre milioni di anticipazioni di cassa già spesi, quindi un debito per la mia amministrazione. A dicembre 2020 questo debito si era ridotto a 400mila euro e a giugno 2021 si è più che azzerando risultando con segno positivo».
«Spero che questa amministrazione ha concluso Di Raimo si riveli competente, e sia in grado di relazionarsi anche con l'opposizione. La mia opposizione, lo rispetto, sarà collaborativa per il bene di Sezze».


I DATI
Su un totale di 19.646 elettori setini, quelli che si sono recati alle urne per l'appuntamento del ballottaggio sono stati 9.754, pari al 49,68%. Un dato in calo rispetto al primo turno, quando hanno votato 12.131 elettori, equivalenti al 61,79%. Lucidi, al ballottaggio, è risultato avanti in tutte e 22 le sezioni, ottenendo la migliore percentuale pari all'82,41% nella numero 5. Alla sezione 21, invece, il risultato relativamente più basso, pari al 51,60%. Conteggiate in tutto 184 schede nulle e 34 schede bianche. Nessun voto contestato.
Le liste che hanno sostenuto la candidatura di Lucidi, Identità setina, Lucidi Sindaco e Progetto Sezze 2000, il 3 e 4 ottobre scorso hanno totalizzato 4.079 voti pari al 36,62%. Lucidi che aveva preso 4.587 voti (39,43%) con il voto del ballottaggio di ieri e l'altro ieri ha totalizzato 6.655 voti (69,79%). Le liste che hanno sostenuto la candidatura di Di Raimo, Sezze Futura, Pd, Di Raimo Sindaco, Sezze Protagonista e per Sezze, al primo turno hanno avuto 4.106 voti pari al 36,86%. Di Raimo aveva preso 3.754 voti (32,27%). Al ballottaggio ha totalizzato 2.881 voti (30,21%). Al primo turno, lo ricordiamo per completezza, la coalizione composta da FdI, Lega, Impronta Setina e Cambia Sezze, che ha sostenuto la candidatura a sindaco di Serafino Di Palma (2.368 voti, 20,35%), ha preso 2.248 voti (20,18%). Sbc, unica lista a sostegno di Rita Palombi (925 voti, 7,95%), il 3 e 4 ottobre, ha totalizzato 705 voti (6,33%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA