Senza Green pass multato in sala slot Sanzione per il caffè senza certificazione

2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Gennaio 2022, 05:02

ANTI COVID
Controlli a tappeto per verificare il rispetto la normativa sul Covid. I carabinieri a Castel del Piano hanno effettuato un controllo presso un esercizio commerciale elevando due sanzioni amministrative a carico del titolare e di una dipendente. La donna ha riferito che non era riuscita a effettuare il tampone richiesto per chi non è vaccinato onde disporre del green pass necessario per recarsi al lavoro. Contestata al titolare la sanzione da 400 a 1.000 euro per non aver verificato il rispetto delle prescrizioni nei confronti del dipendente e alla donna da 600 a 1.500 euro per non aver ottemperato all'obbligo di possedere la certificazione verde per l'accesso ai luoghi di lavoro. Le sanzioni saranno al vaglio della Prefettura di Perugia che deciderà l'importo. Gli agenti della Polizia di Stato hanno sanzionato e denunciato una extracomunitaria, classe 1974, sorpresa in un bar di Corciano mentre giocava alle slot-machine senza green pass. Alla vista degli agenti, la donna ha cercato di fuggire ma alla richiesta dei documenti di riconoscimento e della certificazione verde ha risposto stizzita che era solo di passaggio e che il green pass non era necessario, per poi reagire opponendosi ai poliziotti che hanno accertato a suo carico anche numerose segnalazioni alle forze dell'ordine. L'hanno sanzionata per l'inosservanza delle normative anti-Covid e deferita all'Autorità giudiziaria per resistenza a pubblico ufficiale. A Gubbio i carabinieri hanno controllato negli ultimi giorni 48 esercizi pubblici e 125 persone. Sono intervenuti in un bar dove il barista aveva segnalato una persona entrata nell'esercizio senza mascherina fino a negare l'esibizione del green pass. L'uomo pretendeva di essere servito e si rifiutava di uscire dal locale. Dopo l'identificazione, i carabinieri l'hanno multato per 800 euro. A Nocera Umbra contravvenzionato un diciannovenne per guida, dopo una serata trascorsa nel centro storico di Gualdo Tadino, con un tasso alcolemico superiore alla soglia consentita: per lui è scattato anche il ritiro della patente. A Castiglione del Lago eseguito un ordine di carcerazione emesso lo scorso 18 gennaio dalla Procura di Arezzo nei confronti di un quarantacinquenne di origini calabresi, condannato a quattro anni per tre diverse rapine a mano armata commesse nel 2018 nelle province di Perugia e Arezzo. L'uomo è stato portato al carcere di Capanne: dovrà scontare la pena residua di un anno, 11 mesi e 12 giorni. A Città di Castello controllate 120 persone e 80 mezzi con diverse sanzioni, tutte riguardanti la sicurezza alla guida.
Massimo Boccucci

© RIPRODUZIONE RISERVATA