L'OPERAZIONE
A pochi giorni dall'approvazione del bilancio di esercizio 2020,

L'OPERAZIONE A pochi giorni dall'approvazione del bilancio di esercizio 2020,
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Luglio 2021, 05:01

L'OPERAZIONE
A pochi giorni dall'approvazione del bilancio di esercizio 2020, con un maxi utile di quasi 7 milioni e sempre migliori risultati in fatto di contenimento delle perdite di acqua, la società che gestisce la rete idrica a Perugia e in altri 37 comuni della regione, mette a segno una nuova grande operazione di finanziamento. Importante, come ha sottolineato l'amministratrice delegata Tiziana Buonfiglio «per mettere in sicurezza nel futuro la società» e dare sicuro sviluppo al piano di investimenti previsto fino al 2031. A dare supporto al percorso tracciato da Umbra Acque, il completamento dell'operazione di finanziamento di 62 milioni di euro, su base project financing, che consentirà alla società di riequilibrare la propria struttura finanziaria e, come detto, supportare il piano degli investimenti in acquedotti, fognature e impianti di depurazione di oltre 276 milioni.
PERCORSO GREEN
Nell'annunciare l'operazione, il soggetto gestore dal 2002 al 2031 del servizio idrico integrato che serve oltre 494 mila abitanti, ha sottolineato che il finanziamento è stato strutturato secondo il meccanismo del cosiddetto green loan. Cioè il tasso di interesse beneficerà di una riduzione «in ragione del raggiungimento di obiettivi di riduzione delle perdite di rete e del miglioramento dei parametri di adeguatezza degli scolmatori fognari, in linea con la regolazione della qualità tecnica del servizio integrato dell'Arera». Il finanziamento è stato accordato da Bnl Gruppo Bnp Paribas, Mps Capital Services (la Corporate & Investment Bank del Gruppo Montepaschi) e Unicredit. Advisor dell'operazione è stata Mps Capital Services Banca per le Imprese che, oltre ad essere ente finanziatore, sarà anche banca agente, mentre il ruolo di coordinatore sostenibilità è stato affidato a Bnl.
LA SODDISFAZIONE
Per l'Amministratrice Delegata di Umbra Acque Tiziana Buonfiglio questo «era il tassello mancante, dopo la manovra tariffaria e l'allungamento della concessione, per mettere in sicurezza nel futuro la società. Le straordinarie condizioni del finanziamento continua Buonfiglio - nascono da un intenso lavoro delle strutture finanziarie e legali di Umbra Acque che ringrazio, ma non si sarebbero potute raggiungere senza la presenza del socio industriale Acea Spa nella compagine sociale e nelle trattative con le banche». Il finanziamento secondo Buonfiglio «rappresenta la più importante operazione di finanza strutturata green su base project nel settore del servizio idrico integrato in Umbria». In veste di consulente tecnico, tariffario e regolatorio del progetto, è stato spiegato da Umbra Acque nell'illustrare i dettagli della complessa operazione, ha prestato assistenza Agenia Srl, che ha curato le attività di due diligence a favore degli enti finanziatori. Gli aspetti legali e contrattuali dell'operazione sono stati curati da Legance Avvocati Associati, che si è occupato dell'assistenza alla società, allo sponsor e alle banche, in qualità di project counsel, nella stesura, negoziazione e perfezionamento di tutta la documentazione finanziaria e di garanzia.
Re.Pe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA