L'ECCELLENZA
MASSA MARTANA Sembrano ormai lontani i tempi in cui la Angelantoni,

2 Minuti di Lettura
Domenica 24 Gennaio 2021, 05:00

L'ECCELLENZA
MASSA MARTANA Sembrano ormai lontani i tempi in cui la Angelantoni, alta tecnologia del freddo, fornì un simulatore alla Nasa che serviva per la sperimentazione del cordone ombelicale che collegava l'astronauta alla navicella spaziale che gli assicurava i parametri vitali, ma è già pronto un nuovo record. Questo per la Angelantoni Test Technologies.
Ora la National Space Organization (Nspo) di Taiwan gli ha commissionato uno tra i più grandi simulatori spaziali al mondo, con un range di temperatura che va da +150° a -170° Celtius. Questo per Taiwan segue di un anno quello realizzato per il Rutherford Appleton Laboratory britannico, considerato uno dei più grandi simulatori spaziali d'Europa.
Ora sta per iniziare la produzione destinata alla Nspo, «Un progetto spiega Gianluigi Angelantoni - che risponde agli obiettivi strategici nazionali dell'agenzia, tra cui quello di dotarsi di un satellite di rilevamento ottico remoto molto avanzato, caratterizzato da una super risoluzione e da un ambiente estremamente intelligente di sorveglianza per una esplorazione dello spazio profonda e sempre più rigorosa». Il simulatore spaziale ACS sarà in grado di riprodurre esattamente le condizioni dello spazio in cui si troverà ad operare il satellite quando sarà in orbita, quindi a valori di pressione inferiori a 10 mbar e valori estremi di temperatura di +150°C quando esposto alla luce solare e -170° C quando è in eclissi.
«Il simulatore spiega il presidente della Angelantoni Test Technologies sempre attenta alla sostenibilità ambientale - è progettato principalmente per eseguire test di equilibrio termico/vuoto di componenti Formosat, serie di satelliti ad altissima tecnologia spaziale sviluppati da Nspo per l'esplorazione della Terra».
La nuova strategia della National Space Organization, già centro di innovazione e di eccellenza per la tecnologia spaziale, è quella di ampliare e rafforzerà i suoi progetti di ricerca scientifica che troveranno così applicazione per la sicurezza del territorio nazionale, nell'ambito del monitoraggio ambientale, della prevenzione e dell'indagine in caso di catastrofi e per sviluppare una piattaforma satellitare altamente efficiente e competitiva a livello internazionale. Il tutto sarà fatto grazie al simulatore ACS della Angelantoni Test Technologies.
La positiva collaborazione tra la Nspo e la Angelantoni Test Technologies, che dal 1988 coopera ai progetti delle più importanti agenzie e aziende spaziali a livello internazionale, si evince anche dalla comune visione rispetto a tematiche attuali quali, ad esempio, la sostenibilità ambientale. L'unione delle competenze porterà ad un'osservazione sempre più dettagliata e accurata della terra dallo spazio, da cui potranno derivare conoscenze e dati per un uso sostenibile delle nostre risorse naturali.
Luigi Foglietti
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA