In tasca due lame da 25 centimetri per rubare ai malati nei reparti: presi

In tasca due lame da 25 centimetri per rubare ai malati nei reparti: presi
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Gennaio 2022, 05:02

PAURA IN OSPEDALE
Un paio di forbici da sarto. Venticinque centimetri, di cui la metà di lama. Messe in tasca prima di andare all'ospedale, probabilmente a fare furti, e pronte a essere usate. Per spaventare, intimorire, convincere a cedere soldi e cellulare. Oppure per guadagnarsi la via di fuga. Esattamente quello che ha provato a fare un ragazzo poco più che ventenne. E ha provato a farlo all'interno del posto fisso di polizia. La follia comincia nella tarda mattinata di giovedì, quando i poliziotti del posto fisso vengono informati dalla vigilanza interna della presenza in un reparto dell'ospedale di due giovani sospetti. Girano, bivaccano, vanno avanti e indietro: insomma, un comportamento ritenuto strano.
All'arrivo di uno dei poliziotti nella zona segnalata dagli operatori della vigilanza, dei due giovani (un ragazzo e una ragazza) non ci sono tracce ma ben presto l'agente avrà modo di incontrarli. E non è un incontro piacevole: i toni, soprattutto del ragazzo, non sono certo concilianti e diventano particolarmente tesi quando il poliziotto chiede loro i documenti. Il giovane inizia a inveire, anche la ragazza inizialmente fa resistenza a concedere i documenti ma poi, dopo le ulteriori esortazioni del poliziotto e con la collaborazione del personale della vigilanza privata, lei si decide e consegna la carta d'identità. A quel punto i due vengono portati nei locali del posto fisso e scatta la follia: una volta identificato, il ragazzo estrae le forbici per tentare la fuga ma il poliziotto è bravo e lesto nel bloccargli la mano in cui c'è l'arnese, che infatti cade a terra. A quel punto il giovane tenta di divincolarsi ma ancora senza successo perché il poliziotto, a costo di rimediare qualche ferita che gli costerà otto giorni di prognosi, riesce a bloccarlo del tutto. Con l'arrivo di una volante dalla questura la situazione torna definitivamente alla calma. Dopo essere stati portati in questura, il ragazzo verrà arrestato mentre la ragazza denunciata.
E. Prio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA