Cupa, scattano i lavori per la nuova area cani

Cupa, scattano i lavori per la nuova area cani
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Febbraio 2021, 05:00

AMBIENTE
Due svolte per due parchi. La prima riguarda l'avvio dei lavori per realizzare, al parco della Cupa in un tratto mai utilizzato, una maxi area cani. La seconda tocca il Chico Mendez, dove si lavora sodo per trovare una soluzione al problema degli abbandoni di rifiuti.
VIA AI LAVORI
Alla Cupa c'era grande attesa per la realizzazione della nuova area cani, che sarà la tredicesima della città. Il percorso, come più volte raccontato su queste colonne, ha preso via grazie all'impegno delle associazioni Priori e Porta Eburnea, che hanno partecipato ad un bando stanziando i fondi per l'acquisto dei materiali. Dopo l'iter burocratico e le relative autorizzazioni da Comune e Soprintendenza, saranno ora avviati i lavori per il maxi recinto. Mille metri quadrati, due accessi, 2 panchine, una fontanella e cestini per i rifiuti, oltre che quattro punti luce per rendere sempre fruibile l'area. Area scelta non a casa. Nell'atto con cui la giunta aveva approvato il progetto, si parla chiaramente di un'operazione di rilancio di una zona che al momento «non ha una destinazione specifica e tale situazione ne ingenera un uso improprio che ne facilita il degrado sia per l'abbandono di rifiuti e di materiali di vario genere che di sosta e bivacchi notturni».
CHICO MENDEZ
È in dirittura di arrivo, come raccontato nei giorni scorsi, l'ok per installare dei cartelli utili per sensibilizzare gli utenti del parco a non sporcare. Ma al Chico Mendez si muove anche altro sul fronte del decoro. Dopo i nuovi episodi di rifiuti lasciati su tavoli e panchine, ci sarà a breve un incontro fra l'assessore all'Ambiente Otello Numerini e le associazioni che si occupano del parco, Natura Urbana e La Garden. Un confronto voluto «per addivenire alla risoluzione definitiva delle criticità attualmente presenti, figlie degli ultimi episodi di inciviltà ed ignoranza poste in essere da alcuni interlocutori avventori dell'area verde», scrive l'associazione Natura Urbana impegnata da lungo tempo nella cura del parco, decisamente cambiato rispetto al passato ma che vogliono ancora di più a misura di bambini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA