Lo strano delitto sulla collina proibita: torna Mazzocato con un legal thriller

Martedì 16 Dicembre 2014
TREVISO - Da un fatto di cronaca il "Delitto sulla collina proibita", nuovo legal thriller di Gian Domenico Mazzocato. A vent'anni dal fortunato "Il delitto della contessa Onigo" (anch'esso riferito ad una vicenda reale) lo scrittore propone ora un caso accaduto su una collina trevigiana agli albori del secolo. Siamo sempre nell'arretrato e povero Veneto che la penna del romanziere sa ripercorrere con efficacia e realismo, calando abilmente la lente d'ingrandimento. Il libro, edito da DBS Zanetti, rievoca un fattaccio di cronaca nera, avvenuto sul Montello nel borgo di Santo Angelo Custode, nel 1909: la morte del piccolo Américo Gaigher, trovato impiccato ai margini del bosco dove si era recato a rubare un po' di legna. Un "giallo" che gravita attorno a tre domande: delitto, suicidio o morte accidentale? E a complicare la possibile soluzione, la cui chiave sta nel nome di tale Santo Carlassara, personaggio rude e violento, sta il comportamento omertoso della gente.
La presa del romanzo sta nella capacità narrativa di Mazzocato, già sperimentata su questo filone. Il racconto scorre nelle pagine di cronaca del tempo e nella memoria lasciata tra i fogli del diario di don Fervido, parroco del borgo teatro del delitto. «Ho conosciuto quel sacerdote - spiega Mazzocato - proprio grazie a quei suoi tre quadernetti dalla scrittura sbiadita, specchio di un carattere forte e complesso». Ma tutto non si esaurisce certo nella narrazione cronachistica. Perchè il pregio del romanzo risiede nell'abilità dell'autore che sa calare il suo lettore nell'atmosfera di un Veneto d'altri tempi la cui immagine ritrae attraverso personaggi quali la misteriosa "Maria Ultima", che la vox populi voleva un po' strega e un po' guaritrice e soprattutto donna capace di aiutare gli agonizzanti a morire. Del resto tutto il libro gravita attorno a temi quali la morte, la vita e la giustizia e alle pulsioni che ne derivano sull'animo umano. «Con qualche sorpresa finale»...preannuncia Mazzocato.
Il romanzo viene presentato domani, alle 17, a palazzo Giacomelli. Ne parleranno, assieme all'autore, gli avvocati Riccardo Mazzariol e Paolo De Girolami, presidenti, rispettivamente, dell'Ateneo di Treviso e dell'Ordine degli Avvocati di Treviso.
Bruno De Donà