Test salivari da oggi alla Volta, tutto quello che c'è da sapere

Test salivari da oggi alla Volta, tutto quello che c'è da sapere
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Settembre 2021, 05:02

SCUOLA
Sono partiti ieri nelle cosiddette scuole sentinella i test salivari volontari per gli studenti del Lazio. L'iniziativa è promossa dalla Regione e ha l'obiettivo di controllare i contagi monitorando a campione alcuni istituti scolastici. L'istituto di Latina scelto per i test è il Volta. A spiegare come funzionerà è il dirigente Gennaro Guarino: La Asl inverà sul posto un camper per effettuare i tamponi ai ragazzi e ai bambini che hanno dato il consenso. ovviamente sarà fatto a rotazione.
I PRIMI
Oggi eseguirà il tempone una selezione dei ragazzi della secondaria di via Botticelli e il camper sarà posteggiato all'esterno della scuola. Lo faranno però anche alcuni bambini della primaria di piazza Dante. Ovviamente per fare i tamponi abbiamo chiesto l'autorizzazione dei genitori che dopo aver firmato il consenso l'hanno riconsegnato a scuola. Non è possibile, in una sola mattinata, fare tamponi a tutti gli iscritti al plesso, ma li faremo più avanti, conclude il dirigente.
I NUMERI
Nel primo giorno, così come accaduto ieri anche a Roma, saranno effetuati 50 test, poi saranno eseguiti ogni 15 giorni. A regime si arriverà a farne più di cento al giorno e la cosa positiva è che non si tratta di test invasivi, ma salivari. In alcuni casi sarà anche possibile consegnare i kit agli alunni che potranno effettuare a casa i tamponi per poi restituirli alla scuola che provvederà a consegnarli alle Asl. Sarà ovviamente l'azienda sanitaria a comunicare l'esito del tampone alle famiglie. Tutto si svolge quindi nell'anonimato anche se nel caso fosse trovato un positivo, la classe sarà messa in quarantena. Si tratta di test non invasivi, con prelievo salivare di natura molecolare. Qualora si trovasse un caso positivo, l'alunno sarà isolato. Tutto questo serve per intervenire puntualmente e per evitare la chiusura dei plessi scolastici, aveva spiegato nella sua visita a Latina, l'assessore regionale alla sanità Alessio D'Amato. Questi test offrono un'alta precisione del risultato e garantiscono il vantaggio della facilità della raccolta del campione.
I RESPONSI
L'unico limite è che risultati arrivano dopo 6-12 ore, quando il bambino è già entrato in classe. In una prima fase i tamponi saranno fatti su volontari con l'ausilio di personale sanitario, poi se ne occuperanno le famiglie, seguendo le istruzioni che garantiscono la correttezza dell'esecuzione. I campioni vanno poi consegnati nei punti di raccolta. I test molecolari, essendo processati in laboratorio, permettono anche il sequenziamento genomico, per individuare la variante responsabile del contagio. In caso di soggetti positivi/contatti, si seguiranno le indicazioni dei Dipartimenti di prevenzione.
Francesca Balestrieri
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA