Il testimone: «Uno scenario apocalittico, sconvolgente, molti di noi non saliranno più in moto»

Il testimone: «Uno scenario apocalittico, sconvolgente, molti di noi non saliranno più in moto»
di Elena Ganelli
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Settembre 2021, 05:04 - Ultimo aggiornamento: 11:03

«Quello che è accaduto oggi (domenica, ndr) è fuori da ogni logica e ci ha lasciato tutti sgomenti. Grande la tristezza per la perdita di un amico, per le altre vittime e per quelli che sono rimasti feriti in uno scenario apocalittico. Molti, dopo quello che hanno visto non risaliranno più sulla moto e la ferita brucerà per molto tempo, chissà se il motociclismo nella nostra zona sarà più lo stesso». Antonio De Angelis, bikers di Priverno, ha affidato il suo dolore per la perdita dell'amico Francesco Scacchetti alla pagina Facebook de I Centauri Lepini, gruppo che conta quasi 500 membri. Sotto c'è una foto del gruppo di motociclisti con Scacchetti in primo piano scattata domenica mattina durante una breve sosta in un bar di Terracina «per un aperitivo tra le risate e la spensieratezza prima del rientro».

Un rientro macchiato dallo spaventoso incidente sulla Frosinone Mare all'altezza del bivio per Frasso che ha insanguinato la domenica e lasciato sull'asfalto tre vite. «Io ero nel gruppo di tre moto che viaggiava davanti a tutti racconta De Angelis e non ho potuto vedere nulla perché i mezzi coinvolti erano dietro di me, so soltanto che ad un certo punto nello specchietto non ho più visto nessuno dietro, c'era il vuoto. Così sono tornato indietro e lo scenario che mi si è presentato è stato terribile». Per molti di loro l'uscita domenicale è un appuntamento fisso, di chi condivide una passione forte, quella per le due ruote. «Avevamo fatto una passeggiata racconta ancora Antonio De Angelis poi ci siamo fermati a Terracina prima di rientrare a Priverno: ormai eravamo a 10 chilometri da casa...

Sulla dinamica dell'incidente non posso dire nulla, di certo nessuna delle due moto si è accorta di chi arrivava di fronte perché in qualche modo avrebbe cercato di evitare lo scontro frontale. Mi auguro davvero che chi ha assistito si faccia avanti e racconti cosa è accaduto». Il dolore di tanti amici bikers viaggia anche sui social. Sono numerosi i commenti lasciati sulla pagina de I Centauri Lepini. Non ci sono parole che possono spiegare il dolore che si prova in una situazione di questo genere. Noi che stiamo in strada su queste maledette due ruote che ci fanno sentire così vivi, così bene. Mia mancherai, andare in moto non sarà più la stessa cosa. Poi Antonio ricorda le ultime parole di Francesco, un appuntamento impossibile da mantenere: Martedì andiamo in pista? Vorrei iniziare a girare Siamo sempre i soliti noi motociclisti, prendiamo ogni volta impegni che non riusciamo a mantenere. Sono sicuro che ci saremmo divertiti. Take care our friend!.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA