Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viaggio in 500 da Fondi alla Tour Eiffel in ricordo dell'amico scomparso

Viaggio in 500 da Fondi alla Tour Eiffel in ricordo dell'amico scomparso
di Mirko Macaro
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 12:42

I 1785 chilometri che separano Fondi da Parigi a bordo di una vecchia Fiat 500. È l'avventura on the road appena portata a termine da due ragazzi della Piana, il 28enne Guido Rinaldi e il 27enne Gianluca Zannettino: sono partiti nella prima mattinata di mercoledì della scorsa settimana dal tratto di corso Appio Claudio antistante la chiesa di Santa Maria, nel cuore del centro storico fondano, per poi portarsi tappa dopo tappa ai piedi della Torre Eiffel, raggiunta sabato sera dopo aver sostato a La Spezia, Tolone e Lione.
Una meta battezzata sfoderando una bandiera italiana su cui campeggiava una scritta in dialetto locale: «Sem d' Funn», «Siamo di Fondi».
Il culmine di un lungo ed appassionante viaggio su una 500 rosso fiammante del 1971, documentato chilometro dopo chilometro via social.
Una sfida personale, certo, ma anche un tributo nel segno del ricordo: il particolare tour oltralpe è dedicato alla memoria di un amico scomparso a soli 24 anni, Enrique Zambrano, strappato alla vita da un terribile incidente stradale avvenuto nel febbraio 2021 lungo la Fondi-Sperlonga. Era presente quando Rinaldi e Zannettino partorirono l'idea di arrivare con la piccola utilitaria di casa Fiat sotto la torre simbolo della Francia, un progetto nato nell'estate del 2018 davanti ad un cocktail servito proprio da Enrique, che era un apprezzato barista.
«Con una penna e un pezzetto di carta disegnammo tutto il percorso - raccontano - Come doveva essere fatto, dove dovevamo passare, cosa dovevamo portarci. Lo immaginammo e lo abbiamo realizzato, pensando ad Enrique».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA