Vaccini e tamponi, i farmacisti incontrano il prefetto. «Noi in prima linea»

Vaccini e tamponi, i farmacisti incontrano il prefetto. «Noi in prima linea»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Gennaio 2022, 05:06

IL CASO
Con il Covid le farmacie pontine hanno assunto il ruolo di presidi sanitari capillari. E' quanto emerso ieri nell'ambito di un incontro con il prefetto di Latina Maurizio Falco richiesto da Federfarma Latina, in rappresentanza di 150 farmacie dislocate sul territorio provinciale. All'incontro hanno preso parte il presidente e il segretario dell'associazione, i dottori Salvatore Farina e Amelia Fontana, e il presidente dell'Ordine dei farmacisti della provincia di Latina, il dottor Roberto Pennacchio. Un'occasione per fare il punto sui nuovi servizi erogati dalle farmacie a seguito dell'emergenza Covid, con l'impegno da parte della categoria di mettersi ulteriormente a disposizione dei cittadini attraverso campagne informative e per guidarli nella risoluzione di problemi pratici, come ad esempio uscire dalla quarantena al termine del periodo prescritto, seguendo la strada giusta. In particolare, il prefetto ha riferito la dottoressa Fontana a margine dell'incontro si è soffermato sul rapporto tra le farmacie e i cittadini. Un rapporto che si è consolidato con l'emergenza sanitaria.
E' in questo ambito che il presidente di Federfarma e dell'Ordine dei farmacisti hanno evidenziato come la farmacia sia diventata sempre più un presidio sanitario capillare, svolgendo un ruolo di front office ai bisogni dei cittadini che spesso non trovano facili risposte per la complessità delle procedure. Parliamo soprattutto di persone anziane che trovano nelle farmacie un punto di riferimento, sempre disponibile. Nel corso dell'incontro è stato messo in evidenza dalla delegazione l'impegno assunto dai farmacisti per la vaccinazione anti-Covid. Siamo inizialmente partiti con 25 dosi settimanali a farmacia del vaccino Johnson&Johnson ha affermato la segretaria di Federfarma Da fine ottobre, grazie ad un accordo che la Regione Lazio ha sottoscritto con il commissario per l'emergenza, il generale Figliuolo, siamo riusciti ad ottenere una fornitura di 120 dosi settimanali, inizialmente di Pfizer. In questo momento sia attivissimi, e parliamo di circa una metà delle farmacie pontine aderenti a Federfarma, con la somministrazione di dosi booster, con il farmaco Moderna, utilizzando l'intera fornitura di 120 dosi settimanali farmacia. Il servizio viene svolto previa prenotazione sulla piattaforma regionale. Per quanto riguarda i tamponi, la dottoressa Fontana ha detto che le lunghe file sono ormai un ricordo del periodo natalizio: Il servizio si è velocizzato, riducendo i tempi di attesa ad un massimo di cinque minuti. Questo perché sempre più farmacie si sono rese disponibili all'effettuazione dei tamponi. Quindi è cresciuta l'offerta. Inoltre, con l'introduzione del Super green pass, la maggior parte dei tamponi ormai vengono fatti per casi sospetti di Covid. Si è ridotto il numero dei tamponi finalizzati all'ottenimento del green pass base. La delegazione, rispondendo ad una specifica domanda del prefetto, ha confermato che con il Covid anche in provincia di Latina si è avuto un lieve aumento di consumo di ansiolitici.
Rita Cammarone
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA