Una Scuola di alti pensieri intitolata a David Sassoli nell'ex carcere borbonico di Ventotene

Una Scuola di alti pensieri intitolata a David Sassoli nell'ex carcere borbonico di Ventotene
di Giovanni Del Giaccio
2 Minuti di Lettura
Martedì 18 Gennaio 2022, 05:04 - Ultimo aggiornamento: 11:43

Sarà una Scuola di alti pensieri e porterà il nome di David Sassoli, il presidente dell'Europarlamente recentemente scomparso. La proposta di intitolare al giornalista e politico la ristrutturazione del carcere di Santo Stefano, a Ventotene, è stata fatta propria dal presidente del consiglio, Mario Draghi, che ha risposto all'idea avanzata dal ministro della cultura Dario Franceschini e dalla commissaria di governo per il recupero, Silvia Costa.

Draghi ha accolto la proposta affermando che: «Sarà un modo per tracciare una linea ideale con il passato, tra due momenti di rinascita del progetto europeo, di cui David Sassoli è stato appassionato protagonista».  Lui stesso, inviando un video messaggio in occasione della presentazione dei lavori, aveva detto il 27 settembre: «Il carcere di Santo Stefano e l'isola di Ventotene costituiscono dei capisaldi della nostra storia, punti di riferimento. Il patrimonio culturale è una parte importante della nostra identità comune. Il vostro progetto va proprio in questa direzione».


 «È giusto oggi intitolarlo a David - dice Franceschini - che con il suo impegno è stato in tutto il suo percorso di vita un interprete profondo dello spirito del Manifesto di Ventotene». Nella sua richiesta la commissaria Costa aveva suggerito di intitolare lo spazio a Sassoli, perché destinato «ad accogliere tutte le migliori esperienze formative sui diritti umani, la dignità della persona, la giustizia, la solidarietà, il ruolo della cultura e della sostenibilità per la costruzione della libertà, della democrazia e della solidarietà in Europa e nel Mediterraneo».


Il consigliere regionale del Pd Enrico Forte, sottolineando la bontà dell'iniziativa, suggerisce che a Latina si intitoli uno spazio a Sassoli: «Credo che il Comune possa valutare l'idea di intitolargli una parte del parco San Marco, dove il presidente del parlamento si era recato per l'inaugurazione di un monumento. Così come si potrebbe valutare l'intitolazione di una scuola o di una strada.

Video su IlMessaggero.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA