Spari in via Londra, c'è un sospettato

Spari in via Londra, c'è un sospettato
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Novembre 2021, 05:02

L'INCHIESTA
Paura l'altra sera in via Londra, nel quartiere Europa a Latina. L'allarme è scattato dopo la prima telefonata arrivata al 113: «Correte, quei sparano». Fortunatamente era in corso un servizio di controllo rafforzato e nel giro di pochi minuti sono piombate alle spalle del centro commerciale Latina Fiori nei pressi della parrocchia San Pietro e Paolo. Non era ancora mezzanotte. Presso le case popolari del quartiere Europa non c'era nessuno. Eì lì che era stata segnalata l'esplosione di alcuni colpi di arma da fuoco.
Sul posto sia gli agenti delle Volanti, sia i colleghi del Reparto Prevenzione Crimine Lazio hanno cercato di capire cosa fosse realmente successo. Sulla base di alcune testimonianze i poliziotti hanno rinvenuto conficcati sul portone di una delle palazzine due proiettili calibro 38 esplosi da una pistola. Ma dell'autore degli spari nessuna traccia.
«Dopo una complessa opera di ricostruzione dei fatti, che al momento è ancora parziale - hanno spiegato ieri dalla questura - gli agenti individuato un possibile sospettato e lo hanno cercato a casa». L'uomo, che è gravato da numerosi precedenti penali però non c'era e si è presentato spontanemanente in Questura. L'appartamento è stato perquisito e gli agenti hanno stato trovato - e sottoposto a sequestro - poco meno di un etto di hashish, oltre a materiale idoneo al confezionamento della droga. Non solo. Sul pianerottolo del condominio è stato rinvenuto un revolver dello stesso calibro dei proiettili esplosi. L'arma è risultata rubata.
«Al momento restano aperte tutte le ipotesi investigative in merito all'autore del gesto e sui motivi che l'hanno generato» si limitano a dire dalla Questura. La Procura ha apertto una inchiesta che è stata affidata al pm De Luca. Gli agenti hanno acquisito le immagini di alcune telecamere di videosorveglianza e stanno cercando di trovare conferme ai sospetti. Il movente della sparatoria potrebbe essere una debito di droga.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA