Rischio idrogeologico, Zingaretti: «I lavori investendo soldi dei cittadini»

Rischio idrogeologico, Zingaretti: «I lavori investendo soldi dei cittadini»
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 05:03

PONTINIA
«Abbiamo bisogno della provincia di Latina e la proiettiamo nel futuro». Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, esalta il Consorzio di Bonifica Lazio Sud Ovest, realtà nata dalla fusione tra il Consorzio di bonifica dell'Agro Pontino e il Consorzio di bonifica Sud Pontino. «Insieme abbiamo vinto una battaglia e investito le tasse che pagano i cittadini anche in un'area che, grazie all'agricoltura e all'industria farmaceutica, è un vero motore della regione: parliamo di un'ondata di investimenti mai avuta prima anche perché, in Italia, da vent'anni si taglia ma ora abbiamo davanti un decennio di importante spesa pubblica» incalza il Governatore dal palco allestito nel cuore dell'impianto idrovoro di Mazzocchio, il cervello della fitta rete di infrastrutture che garantiscono stabilità all'equilibrio idrico della provincia pontina.
«Nel 2017 abbiamo avviato una riforma importante e ora diventa cruciale il ruolo dei sindaci nella cabina di regia - aggiunge Sonia Ricci, Commissario del Consorzio - siamo una risorsa, poiché la provincia di Latina pesa per il 39% nel Pil agricolo dell'intera regione, e poi una tutela, visto che la salvaguardia del territorio deve essere primaria in un'epoca di cambiamenti climatici». L'evoluzione ha portato a diminuire, da un totale di dieci consorzi, a quattro realtà, garantendo anche un risparmio importante.
«Sono veramente soddisfatto del lavoro svolto dal Consorzio e ora posso dire che si potrà stare più tranquilli relativamente al governo dell'acqua, specie se penso ai problemi che abbiamo avuto negli scorsi anni - incalza Eligio Tombolillo, sindaco di Pontinia - Ora la vera scommessa diventa quella della qualità delle acque che oggi non va bene per l'agricoltura». Oltre a Mazzocchio, che con i suoi sei motori (che al momento della sua inaugurazione nel 1934 erano sette), garantisce sicurezza a tutta l'area, sono stati eseguiti lavori anche su altri impianti idrovori: Tabio, Striscia e Sega, nel comune di Pontinia, quello di Iannotta a Fondi, mentre nella zona di Terracina gli interventi hanno interessato l'impianto di Calambra, nei pressi di Borgo Hermada.
I lavori sugli impianti irrigui hanno interessato (e interesseranno) vari distretti in provincia di Latina per garantire anche l'irrigazione dei campi durante tutto l'anno. Finora sono stati spesi sei milioni di euro, 15 milioni verranno spesi a breve mentre circa 50 milioni rappresentano il possibile finanziamento che potrà arrivare in futuro. Nel corso dell'appuntamento di Mazzocchio era presente il direttore generale Natalino Corbo e sono intervenuti anche Monica Perna (Prefettura) e l'assessore regionale Enrica Onorati, che hanno sottolineato l'importanza di una struttura all'avanguardia per garantire la sicurezza e la tutela del territorio, in un'ottica di costante prevenzione del dissesto idrogeologico.
Giuseppe Baratta
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA