Provincia di Latina, elezioni: in corsa per la presidenza i sindaci Stefanelli e Agresti

Provincia di Latina, elezioni: in corsa per la presidenza i sindaci Stefanelli e Agresti
di Andrea Apruzzese
4 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Novembre 2021, 05:02 - Ultimo aggiornamento: 11:38

Sarà con ogni probabilità una lotta a due tra Gerardo Stefanelli sindaco di Minturno e Giovanni Agresti primo cittadino di Itri per la presidenza della Provincia di Latina, ma il tema è ora soprattutto il fatto che FdI e Lega, dopo l'appoggio di FI al primo dei due, si sono trovate spiazzate, e dovranno decidere la loro strategia in una riunione che si terrà oggi pomeriggio. Dopo l'ufficializzazione della candidatura di Stefanelli da parte di FI, Pd e civiche, ora il resto del centrodestra sembra puntare decisamente sul sindaco di Itri, Agresti, come candidato alla presidenza di via Costa. Ma è ancora tutto da decidere nelle ultime ore a disposizione (le liste si depositano domenica e lunedì).

I malumori
Ma non c'è solo la spaccatura procurata da FI al centrodestra, nonostante gli appelli - disperati - all'unità della coalizione. La candidatura di Stefanelli è infatti maggioritaria, ma non appare unanime, con frange delle civiche e anche alcune anime del Pd che non la appoggerebbero fino in fondo. Alcuni sindaci civici potrebbero inoltre decidere di votare solo i candidati consiglieri e non anche il candidato presidente. Secondo le indiscrezioni, tra i malpancisti figurerebbero Eligio Tombolillo, Giada Gervasi, Domenico Guidi, che evidentemente aspiravano a una candidatura e ora sono pronti a decidere all'ultimo. Allo stesso modo la candidatura di Agresti per un centrodestra non più unito raccoglierebbe i voti di parte di quest'ultimo. Lega e FdI decideranno entro stasera, se puntare su un candidato di parte, o se trovare alternative, difficili con il poco tempo rimasto.

Le liste
Mancano ormai solo 72 ore al deposito delle liste, che devono essere ancora composte da parte delle varie compagini, ma alcune indiscrezioni iniziano ad emergere. In casa del Pd, ad esempio, tra i candidati consiglieri provinciali figurerebbero l'uscente Ennio Afilani, Luca Magliozzi di Formia e - forse - Enzo De Amicis, neo eletto a Latina con la più alta quota di preferenze della lista di partito.

La soddisfazione della "nuova" coalizione
Dopo il via libera del segretario regionale di FI, Claudio Fazzone, secondo cui Stefanelli è il migliore candidato possibile, ieri sono arrivate anche le dichiarazioni di sindaci e sindache delle civiche e del Pd. I primi cittadini (che però, è bene sottolineare, si firmano solo i sindaci e le sindache, senza mettere nomi), ritengono «basilare un'intesa sul programma, per portarlo a termine nel mandato» e citano in particolare «il settore rifiuti, su cui è necessario che le pianificazioni e le azioni politiche si basino sulla strategia riduzione, riuso, riciclo, favorendo la gestione pubblica, escludendo qualsiasi nuova autorizzazione o ampliamento di impianti per Comuni già gravati da servitù; settore scolastico, per realizzare nuovi poli di istruzione superiore, ad esempio ad Aprilia; per le manutenzioni stradali, si provvederà alla messa in sicurezza delle strade, con priorità a quelle ad alta incidentalità; il polo dell'ex Rossi Sud dovrà essere valorizzato come polo fieristico stabile di caratura anche internazionale; la Polizia provinciale dovrà essere riorganizzata per garantire un miglior controllo del territorio dagli illeciti ambientali; infine, il ruolo di coordinamento che la Provincia dovrà esercitare tra i Comuni, per la distribuzione delle risorse del Pnrr». Anche il Pd provinciale precisa di avere «aperto un confronto interno con i suoi amministratori e coordinatori di circolo per definire contenuti e proposte per il rinnovo della Provincia, condividendo la necessità di un accordo programmatico con le forze politiche che hanno condiviso gli obiettivi di mandato». Il Pd cita gli stessi temi dei sindaci civici, come rifiuti, manutenzione del territorio, rilancio del ruolo della polizia provinciale, valorizzazione della ex Rossi Sud: «Il Pd individua in Stefanelli un presidente in grado di dare stabilità e impulso alle politiche provinciali e siamo soddisfatti che intorno alla sua figura e agli obiettivi elencati si sia trovata una convergenza ampia con le Civiche e con FI».
Andrea Apruzzese
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA