Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Positiva al virus va in discoteca a Latina e Pomezia: infettate almeno tre persone

Positiva al virus va in discoteca a Latina e Pomezia: infettate almeno tre persone
di Stefania Belmonte
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Dicembre 2021, 05:02 - Ultimo aggiornamento: 11:12

 Non perdonano i controlli relativi al green pass e alle norme anticontagio da Sars-Cov-2. Le ispezioni sono in tutta Italia, a tappeto, e la provincia di Latina non fa eccezione. Solo nel fine settimana appena trascorso i carabinieri del Nas hanno ispezionato otto locali notturni - cinque nella provincia di Latina e tre nella provincia di Frosinone (che è di competenza dello stesso comando dei Nas di Latina) - e sono state controllate 308 persone. Le verifiche sono state eseguiti in collaborazione con i colleghi delle compagnie di Sora, Latina e Terracina. Due le violazioni contestate ad altrettanti clienti per la mancanza del super green pass recentemente introdotto ed un'altra violazione è stata contestata al titolare della stessa attività commerciale, ritenuto responsabile appunto di omessa verifica del green pass.


Il fatto più grave scoperto dai militari del nucleo antisofisticazione e sanità di Latina, coordinati dal capitano Felice Egidio, però è che una donna positiva al covid se ne stava andando in giro per discoteche in barba all'isolamento fiduciario al quale era stata sottoposta. I carabinieri hanno accertato che in più occasioni la donna aveva violato la quarantena per recarsi sia in una discoteca del capoluogo pontino sia in una di Pomezia (in provincia di Roma). Un fatto gravissimo e un comportamento irresponsabile soprattutto nel contesto attuale della quarta ondata della pandemia con centinaia di nuovi contagi e nuovi morti, e che ha comportato la diffusione del virus: sono stati almeno tre i casi accertati di infezione ai danni di altre persone, che sono rimaste contagiate dopo il contatto con la donna. Problemi anche per i locali che non rispettavano tutte le norme anticontagio. Altre quattro violazioni (di cui una nella provincia di Frosinone) sono state infatti riscontrate per omesse informazioni sulle norme di comportamento e l'assenza di dispenser igienizzanti; le sanzioni amministrative registrate ammontano ad un totale di quasi 3.000 mila euro. Le ispezioni sul rispetto dell'obbligo del super green pass per l'accesso nelle discoteche e altri locali sono state effettuate in tutta Italia: 261 i controlli in discoteche, pub e sale da ballo, circa 9.000 le persone controllate e 69 le contestazioni effettuate: 50 i clienti trovati sprovvisti della certificazione verde rafforzata e 19 tra datori di lavoro e titolari delle attività commerciali, ritenuti responsabili di omessa verifica del green pass tra cui anche i casi verificatisi a Latina. I locali chiusi a causa delle gravi inosservanze alla normativa anticovid e per un numero di clienti oltre il limite massimo di capienza, sono stati otto.
Stefania Belmonte
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA