Minacciano infermiere per ottenere il Green pass senza vaccinarsi, dopo 24 ore si presentano in Questura

Minacciano infermiere per ottenere il Green pass senza vaccinarsi, dopo 24 ore si presentano in Questura
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Settembre 2021, 05:03 - Ultimo aggiornamento: 10:27

Un infermiere in servizio in un hub vaccinale intimidito per ottenere una falsa certificazione vaccinale e dunque il Green pass. Un episodio grave avvenuto nel pomeriggio di lunedì a Latina, che ha fatto scattare su tutto il territorio le ricerche dei due responsabili. Secondo la ricostruzione due uomini si sono presentati nella struttura del capoluogo in cui viene effettuata la somministrazione dei vaccini anti covid e senza mettersi in fila come gli altri hanno intercettato e avvicinato uno degli operatori del centro. Hanno quindi cercato di obbligarlo a simulare l'inoculazione del siero, a cui non intendevano evidentemente sottoporsi, e successivamente a compilare l'attestazione di avvenuta vaccinazione in modo da ottenere la certificazione verde, che è ora necessaria anche per recarsi sul posto di lavoro oltre che per viaggiare e frequentare locali pubblici.

L'infermiere però, una volta all'interno della struttura, è riuscito tempestivamente a dare l'allarme al 113 e a richiedere l'intervento della polizia di Stato. I due malintenzionati si sono dati alla fuga prima ancora dell'arrivo degli equipaggi della volante e della Digos, ma 24 ore più tardi si sono presentati spontaneamente negli uffici della questura, preoccupati di essere individuati attraverso l'analisi dei filmati del sistema di videosorveglianza dell'hub vaccinale. Davanti ai poliziotti hanno ridimensionato l'intera vicenda e fornito una versione dei fatti diversa da quella riportata dall'operatore sanitario. In sostanza per loro si è trattato soltanto di un malinteso.

Le dichiarazioni però sono oggetto di ulteriore approfondimento. Per quanto riguarda i nuovi contagi sono 16 quelli riportati ieri nel bollettino, distribuiti in sette comuni e risultato di 229 tamponi processati: 5 casi ad Aprilia, tre a Latina e altrettanti a Fondi, due a Formia e uno nei comuni di Itri, San Felice e Terracina. Nessun decesso e nessun ricovero, mentre sono state 43 le guarigioni e oltre 2mila le vaccinazioni. Al conto complessivo si aggiungono altre due classi in quarantena, per un totale di 12 in tutta la provincia, per la presenza di altri due bambini positivi ad Aprilia e Roccagorga.
La.Pe.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA