Maradona, la statua che andrà allo stadio di Napoli sta nascendo a Formia: verrà messa negli spogliatoi

La sta realizzando in bronzo lo scultore Dario Caruso: la mano e il piede sinistro saranno d'oro

Maradona, la statua che andrà allo stadio di Napoli sta nascendo a Formia
di Andrea Gionti
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Novembre 2021, 10:28 - Ultimo aggiornamento: 18:02

«Grazie ad un lavoro sinergico che ha coinvolto tante eccellenze campane ho avuto l'onore di poter realizzare la statua di D10S». Non nasconde l'emozione lo scultore Dario Caruso, formiano d'adozione, che ha avuto l'incarico da parte di Stefano Ceci, storico amico ed ex manager di Diego Armando Maradona, di eseguire la statua in bronzo di El Pibe de Oro, prodotta dalla Fonderia Nolana della famiglia Del Giudice, che da quattro generazioni lavora con artisti nazionali e internazionali, un punto di riferimento nelle produzioni artistiche.

Galeazzi, la telecronaca per gli Abbagnale e l'intervista di Maradona dopo lo scudetto del Napoli: i momenti più iconici della carriera

Il debutto della statua

Il debutto sarà prima del match di campionato Napoli-Lazio in programma domenica 28 novembre, quando il grande campione scomparso in Argentina il 25 novembre 2020 ritornerà nell'impianto di Fuorigrotta, a lui intitolato. «Era una volontà di Diego, è un regalo che gli ho promesso quando siamo venuti a festeggiare nel 2007 la sua cittadinanza onoraria a Napoli - confessa Ceci - Gli dissi ti faccio una statua quando sarà il momento' e lui mi rispose che dovevo far scrivere sotto Anche io sono napoletano'. Dono questa opera a Napoli e al presidente Aurelio De Laurentiis che ha colto al volo l'occasione».

D'oro la mano e il piede

«La mano e il piede sinistro, che sono la vera riproduzione e verranno ricoperte da una foglia d'oro, sono stati gli unici due elementi della statua che non sono stati modellati perché si è usato un calco in 3D che è stato preso quando Diego era ancora in vita, tutto adattato per renderlo più reale - sottolinea il 46enne scenografo-scultore, professionista nel suo campo da oltre 20 - E' un'opera che mi rende orgoglioso. Nella mia vita ho sempre preferito lavorare nell'ombra, per venire fuori mi sono conquistato credibilità e soddisfazioni dopo tante battaglie».

Maradona nella serie Amazon: «Laziali fascisti». La Lazio: «Tagliate quella scena»

La statua verrà posizionata negli spogliatoi, l'idea originale è quella di fare un museo all'interno dello stadio e di collocarla all'esterno durante giornate a tema. Il maestro Dario Caruso, che si trasferì dall'età di 14 anni nel Golfo di Gaeta, ha girato in diverse città (Roma, Bologna, Milano, Napoli) collezionando all'inizio della sua carriera collaborazioni con lo Studio Prampolini alle scenografie teatrali (Lady Day di Massimo Piparo) e televisive (la soap Un posto al sole). Ma era troppo forte il suo amore per l'arte tant'è che le sue creazioni furono richieste sia in Italia che all'estero. Nel 2014 per il Canada (una Madonna miracolosa di 3 metri), nel 2015 per gli Stati Uniti (il modello di un angelo di 340 cm, destinato ad un cimitero monumentale americano) e nel 2019 quando produsse un altorilievo raffigurante una Madonna con Bambino inaugurata lo stesso anno in una chiesa londinese. L'ultimo capolavoro quando elaborò una scultura dal titolo Plastic Growth, donata alla Foundation Prince Albert II di Monaco in occasione della serata di gala in Campidoglio, organizzata per la raccolta fondi a supporto dei temi ambientali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA