Lago di Fondi un contratto e un concorso di idee

2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Dicembre 2021, 05:02

VALORIZZAZIONE
Nella Piana si torna a guardare al futuro del Lago di Fondi, risorsa inestimabile da tempo in cerca di maggiore tutela e valorizzazione: in questi giorni si sono registrati sia il primo passo verso la firma del Contratto di Fiume e di Lago, che il varo di un concorso di idee. Tutto nel segno della protezione del raro ecosistema del bacino e di uno sviluppo sostenibile in grado di rappresentare un ulteriore valore aggiunto all'intero territorio di riferimento, comprendente sia Fondi che Monte San Biagio.
Al tavolo per la predisposizione del protocollo volto alla rigenerazione ambientale del lago, tenutosi presso la sala consiliare del Comune di Fondi e guidato dalla responsabile regionale Cristina Avenali, ha partecipato un nutrito ed eterogeneo gruppo di interlocutori. Il sindaco Beniamino Maschietto e l'assessore all'Ambiente Fabrizio Macaro, che hanno fatto gli onori di casa, l'assessore monticellano alle Energie rinnovabili Luana Colabello, il dirigente del Parco Aurunci Giuseppe Marzano, il direttore del Parco Ausoni Lucio De Filippis, il funzionario del Consorzio di bonifica Paolo Giardino. Ed ancora, c'erano i referenti delle associazioni ambientaliste Legambiente, Fare Verde e Plastic Free, nonché una rappresentanza del gruppo scout Agesci Fondi 2. Ognuno per il proprio ruolo impegnato a fornire riflessioni e contribuiti operativi, nell'ottica di un percorso che potrà comunque essere integrato da qui in avanti anche da altre realtà interessate a collaborare nella stesura del Contratto di Fiume e di Lago.
«La sottoscrizione prevede un iter piuttosto lungo, ma c'è la piena volontà da parte degli interlocutori di proseguire a ritmo spedito», sottolinea l'amministrazione Maschietto. «Tale strumento è infatti molto prezioso, non solo per la programmazione e una migliore gestione delle risorse idriche del territorio, ma anche per accedere a finanziamenti sovracomunali o partecipare a bandi». Intanto, come accennato, la Giunta fondana ha deliberato un concorso di idee pensato per raccogliere proposte e progetti che puntino allo sviluppo sostenibile dello specchio d'acqua. «Le due strade non seguiranno percorsi distinti, ma paralleli e complementari», assicura il sindaco. Nel concorso, reso possibile usufruendo delle risorse stanziate per le zone rosse Covid, è stato coinvolto anche il Comune di Monte San Biagio.
M.M.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA