La danza della vita premiato Livornese

La danza della vita premiato Livornese
2 Minuti di Lettura
Domenica 24 Ottobre 2021, 05:03

FOTOGRAFIA
Un hobby che è diventato una vera propria arte. Una passione che l'ha portato in giro per il mondo alla ricerca di paesaggi suggestivi e nuovi panorami da scoprire portandosi sempre dietro la sua compagna inseparabile: la macchina fotografica. Raffaele Livornese, che in questi ultimi anni ha attirato l'attenzione vincendo diversi contest prestigiosi e collezionando podi a ripetizione, ha ancora una volta dominato la scena grazie ad uno dei suoi scatti più belli ed emozionanti, effettuato nel 2019 a Los Islotes, nei pressi di La Paz in Baja California (Messico): due leoni marini sopra un banco di sarde.
Una immagine ribattezzata La danza della vita, che ha ottenuto la menzione d'onore al Siena International Photo Awards 2021. Una foto che fu premiata nella categoria grandangolo anche negli Stati Uniti nella 16esima edizione dello Scubadiving Through Your Lens. L'ennesimo riconoscimento per Livornese, nato in Germania a Ludwigsburg (situata nel land del Baden-Wurttemberg, a 17 km da Stoccarda), dove ha vissuto per dodici anni, prima di ritornare a Formia con la sua famiglia. «È il mio ultimo traguardo in una kermesse di fotografia naturalistica non solo subacquea spiega Raffaele, che nella vita è un installatore di arredamento per negozi quindi, difficile da venir fuori in mezzo a svariati scatti di tutti i generi che arrivavano da tutto il mondo». Quest'estate si classificò al primo posto nella categoria Color Seawater alla 43esima edizione del contest Paf Tachov in Repubblica Ceca (nel 2020 vinse il titolo Top Photographer e nella categoria Portfolio) con l'immagine di un marlin striato a caccia di un banco di sarde che realizzò due anni fa al largo della Baja California, in una location che conosce perfettamente. «Ho sempre amato la fotografia sin da piccolo, seguendo il mio istinto chiosa il 51enne - Ho ritenuto necessario portare in superficie la bellezza che ho incontrato nelle profondità».
Andrea Gionti
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA