Fratelli d'Italia esulta: «Qui numeri record». Il Pd: dobbiamo cambiare

Omar Sarubbo, segretario Pd
di Marco Cusumano
4 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 11:18

La domanda principale è: quali saranno le conseguenze delle elezioni politiche a Latina, in provincia e in vista delle candidature per le regionali? Al momento è impossibile avere certezze, ma il netto successo di Fratelli d'Italia rafforza la volontà, già annunciata, di sfiduciare Coletta. Ora però, per il partito della Meloni, è il momento di raccogliere i risultati che, a livello locale, superano le percentuali nazionali. I leader provinciali esultano: «Fratelli d'Italia supera il 30% arrivando così ben oltre la percentuale ottenuta dal partito a livello nazionale. Numeri e percentuali che non erano mai state toccate in precedenza dalla destra pontina e che colloca Latina tra le prime province in Italia in termini di risultati».


Il coordinatore provinciale Nicola Calandrini commenta: «Insieme è stato possibile realizzare un sogno e insieme daremo alla nostra Patria un'occasione di riscatto. Grazie alla nostra presidente Giorgia Meloni che non si è risparmiata per consentirci di giungere questo importante e storico risultato, che non è un punto di arrivo ma di partenza e che ci consegna l'alto compito della guida del nostro Paese in un momento così importante. Faccio gli auguri di buon lavoro a tutti gli eletti di Fratelli d'Italia e del centrodestra nel territorio pontino ma soprattutto voglio ringraziare le donne e gli uomini del nostro partito che in ogni angolo della provincia hanno saputo esprimere il loro massimo impegno per ottenere questo risultato».


L'europarlamentare Nicola Procaccini parla di un «risultato frutto del lavoro e dell'impegno di tante persone che, nel nostro territorio come nel resto d'Italia, hanno creduto e credono nella possibilità che si possa davvero realizzare qualcosa di importante per il futuro del nostro Paese, per il futuro di tutti». Per il vice portavoce regionale Enrico Tiero «gli italiani hanno scelto il governo del centrodestra, anche sui nostri territori la vittoria è stata netta. Siamo una delle province d'Italia con più alta percentuale di voti per Fratelli d'Italia». Esultano anche le realtà locali dove il partito ha ottenuto percentuali di rilievo come Terracina, Cisterna, Sermoneta, Cori e Rocca Massima.


IL PD

Il segretario provinciale del Pd, Omar Sarubbo, analizza la sconfitta: «Abbiamo il dovere di riprenderci in fretta, cambiare, tornare a crescere perché le idee che riteniamo valide sono fragili se prive del consenso dei cittadini. Un consenso che non arriverà se non avremo posizioni nette sui temi principali, sui valori, sulla società del futuro: chiare, semplici, radicali quando necessario. Non arriverà senza una opposizione dura ed incalzante in parlamento e nei territori. Non arriverà se non ci facciamo costruttori di una coalizione larga per l'alternativa democratica e progressista. A partire dalle imminenti elezioni regionali. Meno superbia, più generosità».
Soddisfazione invece in casa M5S con Federica Lauretti che scrive sui social: «Ci davano per morti, spacciati, invece abbiamo dimostrato di essere forti, anche più di prima».


TERZO POLO
Il Pd pontino per adesso resta in silenzio, a parte qualche intervento individuale sui social per analizzare la sconfitta elettorale. Il Terzo Polo pontino parla invece di un «risultato soddisfacente che conferma la possibilità di lavorare per strutturare a livello territoriale il progetto politico». «In linea con il trend nazionale, come Terzo Polo Azione - Italia Viva abbiamo ottenuto un soddisfacente risultato anche in provincia di Latina superando il 6% dei consensi. L'esito delle elezioni politiche, frutto di un lavoro meticoloso e costante da parte dei rappresentanti di Azione e Italia Viva, rappresenta un buon punto di partenza per un processo di radicamento organico a livello territoriale. Noi siamo pronti a rispondere a questa fiducia che i cittadini hanno riposto nel Terzo Polo a livello nazionale e proseguiremo ad impegnarci per rafforzare e consolidare questa esperienza in tutta la provincia di Latina. Siamo soddisfatti del risultato ottenuto nei nostri territori: nonostante una campagna elettorale velocissima di sole 4 settimane siamo riusciti a superare una media del 6% in Provincia con importanti picchi raggiungendo anche oltre il 10% in varie città».


OTTAVIANI
La geografia mista dei collegi elettorali ha visto la partecipazione anche di candidati ciociari come Nicola Ottaviani, già due volte Sindaco di Frosinone, che è stato eletto nel Collegio Cassino-Terracina per la Camera dei Deputati. «I cittadini - commenta Ottaviani - hanno indicato chiaramente la direzione che il prossimo esecutivo nazionale dovrà seguire».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA