D'Amato: «Entro aprile over 80 vaccinati vogliamo raddoppiare le dosi quotidiane»

D'Amato: «Entro aprile over 80 vaccinati vogliamo raddoppiare le dosi quotidiane»
2 Minuti di Lettura
Sabato 17 Aprile 2021, 05:02

IL PUNTO
«Sono qui per ringraziare tutti i nostri operatori sanitari, tutte le istituzioni, il prefetto, il sindaco e i consiglieri regionali. Nessuno di noi pensava ad un anno che ha stravolto le nostre vite e il tessuto economico e sociale. Ma rispetto ad un anno fa abbiamo oggi due strumenti straordinari: il primo sono i vaccini e l'altro sono le cure con monoclonali che qui si stanno eseguendo bene. Latina subito dopo l'Umberto I infatti è la struttura dove si stanno somministrando di più e questo è estremamente importante». L'assessore alla Sanità Alessio D'Amato arriva a Latina e porta il bagaglio di un traguardo conquistato: «In rapporto alla popolazione il Lazio è la prima regione per somministrazioni di vaccino» e il programma è quello di accelerare ancora e potenziare gli hub non appena saranno disponibili nuove forniture. I numeri segnalano intanto che si è già superata abbondantemente la soglia di un milione e 400mila vaccinazioni, mentre Latina viaggia speditamente verso le 100mila.
«Entro il mese aggiunge l'assessore dobbiamo chiudere tutti gli over 80 e buona parte degli over 70. Il valore Rt sta scendendo nella regione ma occorre spingere molto sulle vaccinazioni per ripartire progressivamente e procedere con l'apertura delle attività economiche e la ripresa della vita sociale che nell'ultimo anno è venuta meno, ma dobbiamo farlo in totale sicurezza. Proteggere queste fasce di età significa preservare l'86% di coloro che, in caso di contagio, possono avere problemi seri, anche con esiti letali». La media del Lazio oggi è di 30mila vaccinazioni al giorno ma si guarda concretamente alla possibilità di un raddoppio, contando anche sullo sblocco del vaccino Johnson & Jonhson atteso dall'Ema, che si presta più facilmente di altri ad essere usato nella rete delle farmacie e dei medici di base.
Proprio sull'impegno di questi ultimi in questa fase dell'emergenza si è poi soffermato l'assessore: «Forniremo più dosi ai medici di base - ha dichiarato - Per noi sono un punto importante e dovranno anche loro, come tutti noi, fare la loro parte in questa guerra. Nessuno si deve sottrarre. Sono fiducioso che dopo una prima fase a scartamento ridotto i medici di medicina generale, anche della provincia di Latina, faranno la loro parte». Quanto poi alla polemica sulla vaccinazione di massa nelle isole ha spiegato che è una delle ipotesi in campo, ma sarà necessario attendere le direttive nazionali del Governo e la programmazione della prossima fase della campagna vaccinale. Annuncia infine la firma di una determina regionale che porterà complessivamente all'acquisto di 79 nuovi ecografi, anche per la Asl di Latina.
La.Pe.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA