Covid, nuovi positivi sotto quota 100. Ponza osservata speciale

Covid, nuovi positivi sotto quota 100. Ponza osservata speciale
di Laura Pesino
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Dicembre 2021, 05:03 - Ultimo aggiornamento: 09:31

 Sotto la soglia dei cento casi la curva del covid in provincia di Latina: 84 nuovi positivi scoperti su un totale di circa 1.300 tamponi effettuati, tra molecolari e test rapidi. Ulteriori quattro contagi sono stati però accertati tra cittadini residenti fuori provincia e dunque non in carico alla Asl pontina e ufficialmente non conteggiati nel bollettino. Nel dettaglio, il quadro indica 19 positivi nella città di Latina e 17 nel comune di Aprilia, dove due giorni fa il sindaco Antonio Terra ha disposto una proroga ulteriore dell'ordinanza relativa all'obbligo delle mascherine all'aperto. Inferiori i numeri che provengono dagli altri comuni: sette a Terracina, sei a Gaeta, cinque a Fondi e Formia, altri quattro a Cisterna, tre a Sabaudia, due a Priverno e Roccagorga, uno nei territori di Castelforte, Lenola, Maenza, Minturno, Monte San Biagio, Pontinia, Prossedi, Roccasecca dei Volsci e Sezze. Un'attenzione particolare è però rivolta all'isola di Ponza, dove sono stati registrati cinque casi nuovi nelle ultime 24 ore, alcuni dei quali legati a un esercizio pubblico.

Sulla piccola isola pontina i contagi salgono così a 16 in sole due settimane, «un dato secondo l'ex sindaco Piero Vigorelli da non sottovalutare, complice il fatto che molti ponzesi non si sono vaccinati nelle due campagne di febbraio e maggio promosse dalla Asl». La prima settimana di dicembre si chiude così con una quota molto elevata di casi: 835, con una media dunque che supera abbondantemente i 100 al giorno. Il bollettino della Asl per il secondo giorno consecutivo non segnala però ulteriori decessi rispetto ai cinque registrati dall'inizio del mese (676 complessivi dall'inizio della pandemia ad oggi), mentre sono cinque i nuovi ricoveri ospedalieri. Attualmente i cittadini pontini positivi al covid sono 2.934, mentre i casi trattati in quasi due anni sono stati oltre 42.400. La buona notizia arriva invece sul fronte delle vaccinazioni, che nel primo giorno di entrata in vigore del super green pass sono state 5.509: di queste, 4.546 sono terze dosi, 570 seconde e 393 prime dosi. Proprio in merito alla campagna vaccinale, l'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato ha annunciato ieri che alle Asl di tutta la regione è stato richiesto un recall ai medici di medicina generale che hanno una percentuale di non vaccinati fra i loro assistiti superiore al 30%. «Si tratta spiega di una percentuale molto bassa rispetto alla platea di medici attivi nella campagna, ma è bene capire le motivazioni».
La.Pe.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA