Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Conte sceglie ancora il preparatore di Gaeta nell'avventura al Totthenam

Conte sceglie ancora il preparatore di Gaeta nell'avventura al Totthenam
2 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Novembre 2021, 05:01

CALCIO, LA STORIA
2 maggio-2 novembre 2021. Sono passati 184 giorni dalla festa scudetto vissuta con l'Inter di Antonio Conte e in una fredda mattinata londinese ora il tecnico salentino è ritornato ad allenare firmando un contratto fino al 2023 con il Tottenham del ds Antonio Paratici (con il quale ha lavorato insieme ai tempi delle Juve), che ha dato il benservito al portoghese Nuno Espìrito Santo dopo la pesante sconfitta interna contro il Manchester United. Nell'avventura inglese ad accompagnarlo ci saranno i suoi stretti e fidati collaboratori di sempre: suo fratello Gianluca, nel ruolo di assistente, Cristian Stellini, il vice storico di Conte, il preparatore atletico ciociaro Costantino Coratti (era con lui al Chelsea) e dulcis in fundo il preparatore atletico di Gaeta Stefano Bruno, che arricchisce la sua carriera dell'ennesimo tassello prestigioso. Cresciuto sotto l'ombra del suo mentore Giampiero Ventrone (il marine), il professionista pontino, che quest'estate ha trascorso nella sua città natale le meritate vacanze in compagnia della sua famiglia la moglie Valeria e i piccoli Ilaria e Francesco è alla sua seconda esperienza straniera. La prima fu nel 2013 con l'Ajaccio nella Ligue 1 francese quando fu chiamato a far parte del team guidato da Fabrizio Ravanelli: una fugace parentesi prima del rientro in Italia al Catania in B. Nel suo curriculum anche Livorno (era il 2007), poi Atalanta e Bari, dove conobbe il compianto preparatore dei portieri di Gaeta Francesco Anellino. «Un fratello maggiore per me», confessa Bruno, che nel biennio, dal 2018 al 2020, è stato al Parma con Roberto D'Aversa, prima della chiamata di Conte nel settembre 2020 all'Inter, la squadra per cui tifa da bambino. «Ritrovarsi con lui è sempre speciale confessa Il mio ruolo? In termini di prevenzione degli infortuni c'è molto da fare: il lavoro quotidiano svolto in campo, cosa si fa a casa, come dormono i giocatori, cosa mangiano». Terzo di tre fratelli («Luciano e Valeria mi seguono sempre») Stefano si è specializzato nel garantire che i giocatori rimangano in forma e in salute dentro e fuori dal campo. Il debutto in panchina è fissato oggi in Conference League contro gli olandesi del Vitesse.
Andrea Gionti
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA