Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Divorzio, la Cassazione: «Niente assegno alla ex che non cerca un lavoro»

Divorzio, la Cassazione: «Niente assegno alla ex che non cerca un lavoro»
di Michela Allegri
4 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Febbraio 2021, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 15:17

A distanza di tempo dal divorzio, l'ex coniuge, ancora giovane e in ottima salute, si rifiuta di cercare un lavoro? Per la Cassazione non ha più diritto all'assegno di mantenimento. Per ottenerlo, infatti, deve dimostrare, quantomeno, di essersi impegnato per cercare un impiego e di non avere avuto successo. I supremi giudici hanno messo questo principio nero su bianco in una sentenza pubblicata il 4 febbraio, con la quale hanno revocato il mantenimento a una quarantaseienne di Torino che aveva «un atteggiamento rinunciatario» nella ricerca di un'occupazione. La donna per anni ha incassato l'assegno divorzile, che negli ultimi tempi era stato ridotto a circa 200 euro. Ma l'ex marito, stanco di pagare, ha chiesto l'annullamento degli accordi, visto che l'ex consorte non aveva nemmeno cercato di rendersi indipendente economicamente.

Divorzi vip, per la seconda moglie l'anello è sempre più costoso: ecco quelli più cari


IL RICORSO
La Cassazione ha confermato la decisione dei giudici di secondo grado, che avevano sottolineato che, in questo caso, il mantenimento non era giustificato. La donna aveva deciso di impugnare la sentenza sottolineando che non era stato tenuto conto del tenore di vita ai tempi del matrimonio. Sosteneva anche che il fatto di non avere lavorato per più di 20 anni l'avesse messa praticamente fuori mercato. Gli ermellini le hanno dato torto su tutta la linea. Per prima cosa hanno specificato che quando era sposata non viveva nel lusso. La Corte ha poi tenuto conto dell'età della donna - «di soli 46 anni e quindi non particolarmente avanzata» -, delle buone condizioni di salute e dell'assenza di impedimenti alla ricerca di un impiego. D'altronde, sottolineano i magistrati, la signora potrebbe tornare a «lavorare come addetta alle pulizie», come aveva fatto saltuariamente in passato. In questo modo i giudici hanno risposto alla lamentela della ricorrente: sosteneva di essere stata ritenuta solo «astrattamente idonea a svolgere attività lavorativa», senza esempi concreti e senza tenere conto delle difficoltà che avrebbe sicuramente incontrato se si fosse messa alla ricerca di qualsiasi occupazione. Ma c'è di più. I giudici hanno annullato l'assegno anche perché, come dimostrato dall'ex marito, la donna avrebbe da tempo una nuova relazione stabile, sfociata in una convivenza tenuta nascosta. Circostanza che, per la Cassazione, sarebbe stata pienamente dimostrata: i giudici sostengono che abbia da tempo instaurato una nuova convivenza, nonostante ne parli come di un rapporto «di natura solo amicale». Non è tutto: la donna è stata anche condannata a pagare le spese processuali, pari a 1.500 euro.


I PRECEDENTI
Una sentenza che segue un'altra pronuncia rivoluzionaria dei magistrati di piazza Cavour. Lo scorso ottobre i supremi giudici hanno stabilito che il diritto all'assegno di divorzio può venire meno nel caso in cui il coniuge beneficiario abbia una relazione sentimentale con periodi più o meno lunghi di convivenza, tanto da rendere stabile la nuova unione. Con questa motivazione la Cassazione aveva accolto il ricorso di un ex marito che aveva chiesto l'annullamento dell'assegno dovuto alla ex consorte che, nonostante di fatto dormisse più giorni a settimana con il nuovo compagno, non aveva mai ufficializzato la convivenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA